Prezzemolo proprietà

di Elena Botta

Oggi vogliamo parlare delle proprietà benefiche di un altro aroma fondamentale della nostra cucina: il prezzemolo

Prezzemolo

In questi giorni abbiamo parlato degli aromi che più vengono utilizzati in cucina, elencando così le proprietà di rosmarino, salvia, origano e aglio e oggi vogliamo parlare delle proprietà benefiche di un altro aroma fondamentale della nostra cucina: il prezzemolo.
Il prezzemolo è un alimento ricco di vitamine e sali minerali in particolare è ricco di vitamina A, vitamina C e vitamina E, più un’elevata quantità di ferro, fosforo, calcio, rame e zolfo.



Il prezzemolo contiene molte proprietà curative, in special modo è utile per la cura delle anemie, la stanchezza, la spossatezza cronica che si può presentare dopo una lunga malattia.
Essendo ricco di sali minerali, può essere utilizzato come integratore dopo un’intensa attività fisica ed essendo ricco di vitamine aiuterebbe a combattere la gotta, i reumatismi, la ritenzione idrica e anche per regolarizzare il ciclo mestruale.
I suoi impieghi sono molteplici, infatti oltre a quelli sopra elencati, è possibile utilizzare il prezzemolo anche per regolarizzare l’intestino, combattere i gas intestinali e le fermentazioni, ma anche per migliorare la circolazione sanguigna e proteggere l’apparato cardio -circolatorio da infezioni di vario tipo e proteggere l’apparato intestinali, combattere le mastiti e le infezioni dell’apparato urinario.
Insomma, una panacea per tutti i mali, tanto da curare anche la salute dei capelli e delle unghie, dare sollievo al mal di denti e svolgere un’azione antinfiammatoria e calmante per le punture d’insetti.
Unica controindicazione: va usato con molta cautela nelle donne incinte in quanto potrebbe causare aborti spontanei e regredire la produzione di latte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>