Avvelenamento da cibo, tutti i sintomi e cosa fare

di Cinzia Iannaccio

 

Ci si può avvelenare con il cibo? Di sicuro si e non parliamo solo di funghi pericolosi, ma di quella che in termini medici è definita come intossicazione alimentare. Tale condizione è provocata dall’assunzione di cibo contaminato. Per lo più non è una cosa grave, passa da sola in poche ore o giorni e non necessita di cure particolari, ma in alcuni casi invece può essere fatale, specie se i sintomi vengono trascurati o si appartiene ad una categoria a rischio (anziani, bambini, o persone con sistema immunitario indebolito). Nella maggioranza dei casi di intossicazione alimentare il cibo è contaminato da batteri, come in caso di salmonella o Escherichia coli (E. coli), o da un virus, come il norovirus.

 

avvelenamento da cibo


Sintomi di avvelenamento da cibo

I sintomi di intossicazione alimentare di solito iniziano entro uno o due giorni dall’assunzione dell’alimento contaminato, ma può capitare anche dopo qualche ora o addirittura una settimana dopo. I sintomi più comuni sono:

  • sensazione di malessere (nausea)
  • vomito
  • diarrea, anche con sangue o muco
  • crampi allo stomaco e/o dolore addominale (mal di pancia)
  • mancanza di energia e debolezza
  • perdita di appetito
  • temperatura elevata (febbre)
  • muscoli doloranti
  • brividi

Nella maggior parte dei casi, questi sintomi passano in pochi giorni ed il recupero è completo.

 

 

Cosa fare in caso di intossicazione alimentare

Il più delle persone con un’intossicazione alimentare è in grado di affrontare la situazione a casa senza la necessità di cure particolari (fatta salva una adeguata idratazione se si hanno vomito e diarrea- va evitata la disidratazione). Atteso  che il peggio sia passato si può riprendere a mangiare con gradualità e cibi leggeri. In taluni casi possono essere utili degli integratori per la reidratazione orale, reperibili al banco in farmacia.

Si consiglia di contattare il medico se:

  • i sintomi sono gravi – per esempio, se non si è in grado di trattenere i liquidi, perché si vomita di continuo
  • i sintomi non migliorano nell’arco di un paio di giorni
  • si hanno sintomi di grave disidratazione, quali confusione, un battito cardiaco accelerato, gli occhi infossati e scarse urine
  • si è in stato di gravidanza
  • si hanno più di 65 anni
  • è un bambino ad avere questi sintomi di sospetta intossicazione alimentare
  • si dispone di una condizione di base cronica come ad esempio la malattia infiammatoria intestinale (IBD), malattia delle valvole cardiache, diabete o malattie renali
  • si dispone di un sistema immunitario debole – per esempio, a causa di farmaci, terapia per il o HIV

In queste situazioni, il medico di famiglia può richiedere un esame delle feci e prescrivere -in caso di positività- antibiotici, o può inviare anche direttamente ad un ospedale se la situazione si presenta come grave.

 

Come viene contaminato il cibo?

 

Il cibo può essere contaminato in qualsiasi fase della produzione, trasformazione o cottura. Ad esempio, può essere contaminata da:

  • Scarsa cottura (soprattutto la carne)
  • Non conservandolo alla temperatura corretta sia crudo che cotto
  • Lasciando cibo cucinato per troppo tempo a temperature calde
  • Non riscaldando adeguatamente i cibi precotti
  • Attraverso contaminazione diretta da contatto con mani sporche o indiretta o incrociata, utilizzando utensili contaminati o avvicinando cibi contaminati.

Gli alimenti particolarmente sensibili alla contaminazione se non gestita, conservati o cotti adeguatamente includono:

  • carne cruda e pollame
  • uova crude
  • frutti di mare crudi
  • latte crudo
  • cibi “pronti da mangiare” come salumi affettati, patè, formaggi a pasta molle e panini preconfezionati

 

 

 

Leggi anche:

Come e perché lavare frutta e verdura per evitare intossicazioni

Sintomi botulismo

Mal di stomaco e dolori addominali: tutte le cause possibili

 

 

Fonte : NSH.uk

 

Foto: Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>