Infiammazione della prostata

di Elena Botta

Oggi invece vogliamo parlare di una patologia prettamente maschile, che è molto diffusa, l'infiammazione della prostata; infatti pare che a soffrirne sia il 10% della popolazione mondiale maschile

foto7bis_big

Abbiamo recentemente parlato dell’infiammazione del nervo sciatico, dell’infiammazione del tendine rotuleo e l’infiammazione del menisco, tutte patologie che spesso vanno di pari passo con chi pratica un’attività sportiva intensa.
Oggi invece vogliamo parlare di una patologia prettamente maschile, che è molto diffusa, l’infiammazione della prostata; infatti pare che a soffrirne sia il 10% della popolazione mondiale maschile.



Quest’infiammazione può avere un’origine infettiva o non infettiva; nel primo caso avviene perchè è una risposta immunitaria contro i germi invasori; queste infiammazioni sono trasversali, nel senso che colpiscono due fasce di età distinte, per cause diverse.
Nei ragazzi al di sotto dei trent’anni a causa della promiscuità sessuale e nelle persone anziane a causa di alcuni germi intestinali come l’escherichia coli.
I sintomi nelle forme più acute sono principalmente febbre alta, disturbi urinari come minzioni frequenti e molto dolorose, dolore localizzato alla prostata, forte mal di schiena e al basso ventre.
Nelle forme croniche invece i dolori sono più lievi, ma persistenti, con picchi nei periodi in cui la malattia compare più prepotentemente.
I farmaci che vengono prescritti dopo una visita da un andrologo sono antibiotici, antinfiammatori ed alfalitici.
Gli antibiotici vengono prescritti nei casi in cui l’eziologia batterica dell’infiammazione non è del tutto chiara, mentre sono assolutamente sconsigliati nelle forme croniche abatteriche non infiammatorie, poichè potrebbero risultare potenzialmente dannosi. E’ comunque importante che appena si presentano i primi sintomi sopra citati recarsi immediatamente dall’urologo che riuscirà così a curare la malattia subito.

Commenti (1)

  1. L’infiammazione alla prostata è davvero un problema serio per l’uomo, è fondamentale la prevenzione in tal senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>