Prevenire le scottature solari

di Vito Verna

Impara a riconoscere, prevenire e curare le fastidiose scottature solari per vivere al meglio l'estate 2011.

Uno dei principali disturbi estivi, che moltissimi di noi hanno sicuramente già sperimentato, è quello derivante dallo scottature (meglio ustioni) solari, che, come noi tutti sappiamo, sono dovute ad una prolungata od eccessiva esposizione al sole.

Per prevenirle, e non subire mai più i disagi derivanti da un tale problema, vi consigliamo di leggere il seguente articolo, nel quale vi spiegheremo cosa sono e come si curano le ustioni solari.


COSA SONO LE USTIONI SOLARI

Quelle comunemente conosciute come scottature solari sono, a tutti gli effetti, delle vere e proprie ustioni, ovverosia lesioni della pelle dovute all’esposizione della stessa a sorgenti termiche (altri casi in cui si verificano ustioni sono quelli in cui la pelle è esposta a fonti elettriche o posta in contatto con sostanze chimiche).

I fattori che determinano il comparire, ma soprattutto la gravita dell’ustione, sono molteplici, tra i quali segnaliamo il metodo di trasmissione del calore (irraggiamento nel caso del sole), la durata dell’esposizione e la zona interessata (mani e piedi, rivestite da un strato di cheratina, sono decisamente meno sensibili).

Le ustioni solari sono, solitamente, le più banali e le più facilmente nonché velocemente risolvibili, trattandosi di ustioni di primo grado (quelle che interessano in maniera superficiale l’epidermide)

USTIONI DI PRIMO GRADO

I sintomi più comuni grazie ai quali possiamo rilevare un ustione di primo grado sono:

– eritema della zona interessata (ovverosia un’irritazione caratterizzata da un rossore superficiale)

– edema nella zona interessata (ovverosia un lieve gonfiore).

PREVENIRE LE USTIONI SOLARI

Detto questo, e specificato come chiunque possa ustionarsi, passiamo alla descrizione dei migliori metodi di prevenzione, basati principalmente sul buon senso, e che potrebbero farci evitare giorni e notte di sofferenze. Le regole principali sono:

– non esporsi al sole durante le ore più calde della giornata (cioè tra le 11 e le 15)

– non disdegnare, quantunque la tintarella sia decisamente affascinante, l’ombra dell’ombrellone

– non dimenticare di indossare e di far indossare ai più piccoli, cappellino, occhiali, e maglietta.

– non dimenticare di cospargere il proprio corpo grazie a creme solari con alto fattore di prevenzione (ricordiamo che uno schermo solare è efficace soltanto quando l’SPF è uguale o superiore a 30).

CURARE LE USTIONI SOLARI

Se le nostre tecniche di protezione, purtroppo, non hanno funzionato, e tornando a casa sentiamo le nostre spalle bruciare, evidentemente ci siamo ustionati. Per curarci sarebbe bene:

– raffreddare il più a lungo possibile la zona interessata tramite acqua corrente fredda (ma non ghiacciata) o grazie all’applicazione di impacchi ghiacciati (che però non debbono venire a contatto diretto con la pelle; una borsa del ghiaccio separata dall’ustione da un panno pulitissimo può servire allo scopo)

– applicare più volte al giorno creme doposole, emollienti o idratanti oppure a base di benzocaina (anestetico topico)

– non utilizzare mai, per la detersione, garze o simili poiché potrebbero rilasciare filamenti che potrebbero infettare la ferita complicando la situazione.

RIMEDI CONTRO DISTURBI ESTIVI

Se hai trovato questo articolo interessante, potrebbero piacerti anche quelli dedicati al jet lag, alle punture di medusa e tutti gli altri rimedi per affrontare positivamente l’estate 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>