Gravidanza: i primi sintomi

di Elena Botta

Ma quali sono i sintomi che si avvertono dalla prima settimana dall'avvenuto concepimento e che dovrebbero suonare come dei campanelli d'allarme?

gravidanza_31

Aspettare un bambino è momento molto speciale per la donna sia a causa di tutte le trasformazioni che avvengono nel corpo che si appresta ad ospitare il feto, sia a livello psicologico.
Ma quali sono i sintomi che si avvertono dalla prima settimana dall’avvenuto concepimento e che dovrebbero suonare come dei campanelli d’allarme?
Partendo da presupposto che sono molto soggettivi e quindi variano per ogni donna, proviamo ad elencare quelli che sono più comuni a partire dalle possibili perdite da impianto che si verificano nei primi 6, massimo 12 giorni dal concepimento, quando l’embrione si impianta nell’utero.
Alcune donne potrebbero avere delle perdite o soffrire di crampi addominali o tensione mammaria (le perdite potrebbero verificarsi in concomitanza con il ciclo mestruale e quindi essere scambiate per questo); chiaro che la mancanza di flusso mestruale caratterizza la possibilità di una gravidanza ma, detto ciò, molte donne possono avere delle perdite anche in gravidanza ma solitamente sono meno abbondanti e durano meno di un ciclo normale.



Altro sintomo molto conosciuto è la nausea, che non sempre è accompagnata dal vomito e si manifesta tra la seconda e l’ottava settimana, ma alcune donne non ne soffrono affatto per tutta la durata della gestazione.
La donna incinta percepisce anche gli odori in maniera diversa, dovuto all’aumento di estrogeni nel corpo; un’altro sintomi che si può verificare da subito è il senso di stanchezza che accompagnano la donna per tutto il giorno, già dalla mattina quando si fa molta fatica ad alzarsi dal letto.
Un altro sintomo è l’aumento del seno che risulta essere anche molto sensibile e dolente, in particolar modo i capezzoli che nel frattempo si ingrandiscono e si scuriscono; mal d schiena e mal di testa possono accompagnare la gestante per tutta la durata della gravidanza mentre tra la sesta e l’ottava settimana di gestazione, la donna potrebbe orinare più spesso.
Un sintomo molto conosciuto è anche il forte desiderio di mangiare determinati cibi e questo permane a volte per tutta la durata della gravidanza (l’importante è non mangiare dei cibi spazzatura).
Anche la stitichezza ed il bruciore di stomaco possono accompagnare la gestante per tutta la durata della gravidanza così come i capogiri e gli svenimenti.
Se si hanno dubbi sulla natura di questi sintomi è possibile effettuare un test di gravidanza urinario già dal primo giorno di ritardo del ciclo mestruale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>