Tè verde, proprietà benefiche, tra miti e realtà

di Cinzia Iannaccio

Il tè verde è veramente un superfood, cioè un elisir di lunga vita? Da sempre è utilizzato nella medicina tradizionale cinese per curare praticamente tutto, dal mal di testa alla depressione ed anche di recente, il te verde è spesso sotto i riflettori per le sue proprietà benefiche. Ma cosa c’è di vero? Scopriamolo insieme…
proprieta te verde

 

 

Il te verde e gli altri

Le foglie del the verde sono presumibilmente più ricche di antiossidanti rispetto ad altri tipi di tè grazie al metodo di produzione. In particolare contiene vitamine del gruppo B, acido folico, manganese, potassio, magnesio, caffeina ed altri antiossidanti (in particolare catechine). Tutti i tipi di tè (verde, nero e oolong) sono prodotti dalla pianta Camellia sinensis ma con metodi diversi. Le foglie fresche della pianta sono cotte a vapore per la produzione di tè verde, mentre le foglie di tè nero e oolong vengono fermentate. Si ritiene che il tè verde sia in grado di favorire la perdita di peso, di abbassare il colesterolo e combattere le malattie cardiovascolari, prevenire la malattia di Alzheimer ed alcune forme di cancro.

Il tè verde protegge veramente dal tumore?

Non ci sono prove certe che bere con regolarità tè verde protegga da diversi tipi di cancro. Dopo una serie di ricerche scientifiche dai risultati altalenanti al riguardo, in particolare, uno studio del 2009, revisionale di 51 precedenti ha analizzato la relazione tra la bevanda e il tumore dell’intestino, della prostata, del seno, del cavo orale e dei polmoni. Il lavoro ha riguardato un totale di circa 1, 6 milioni di individui ed è giunto alle conclusioni che l’evidenza di un legame tra il tè verde e il cancro è debole e “altamente contraddittorio”.

Perdere peso grazie al tè verde

Il tè verde accelera il metabolismo? Si ritiene che gli antiossidanti e le catechine contenute in tale bevanda possano avere un ruolo importante nel bruciare calorie e quindi nel dimagrire più facilmente, tanto è che in commercio esistono numerosi prodotti a base di estratto di tè verde con lo scopo di aiutare nella perdita di peso. Di fatto numerosi studi scientifici hanno indagato queste proprietà benefiche, ma mai giungendo a risultati determinanti. Una revisione (effettuata nel 2012) di 18 lavori precedenti che hanno coinvolto circa 2000 persone ha però sentenziato che nell’assumere tè verde non risultano esserci grandi effetti sul dimagrimento!

Un aiuto contro il colesterolo alto

Gli studiosi ne sono sempre più convinti: il tè verde e quello nero risultano essere strumenti utili nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. A confermarlo,uno studio revisionale del 2013 di ben 11 lavori precedenti per un totale di circa 800 individui: il consumo quotidiano di queste bevande (o anche sotto forma di capsule di integratori) aiuta a mantenere bassi i livelli di colesterolo è la pressione sanguigna. Non è ancora chiaro quali siano i dosaggi minimi ottimali in tal senso e neppure quali possano essere gli effetti benevoli sul lungo termine, ma le prospettive di ricerca in tal senso sono positive.

La malattia di Alzheimer

Uno studio scientifico condotto in vitro ha evidenziato come gli antiossidanti del tè verde siano stati in grado di proteggere le cellule nervose di origine animale associate a varie formedi demenza, Alzheimer compreso. Si tratta di un risultato positivo,che lascia ben sperare,ma che necessita di numerosi ed ulteriori approfondimenti, specie con sperimentazioni cliniche su esseri umani. Allo stato attuale non si può ancora dire che il tè verde sia in grado di combattere il morbo di Alzheimer.

 

Leggi anche:

Il thè verde aiuta a restare giovani ed in linea

verde previene il tumore al polmone

verde aiuta a potenziare la memoria

I benefici del tè verde

 

Fonte: Nsh

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>