Dieta e gli errori più comuni

di Elena Botta

E' importante non sottoporsi a diete che risultano essere stressanti sia per la mente che per il corpo, ma è importante cercare di non causare dei danni irreversibili al metabolismo.

pancia

Dopo aver focalizzato che esistono dei cibi che aiutano a perdere peso, ma che bisogna fare attenzione alle etichette per non farsi ingannare dalle pubblicità e dopo aver stabilito che l’aspartame è cancerogeno, si può partire con una dieta.
Prima di tutto è importante non sottoporsi a diete che risultano essere stressanti sia per la mente che per il corpo e poi è importante cercare di non causare dei danni irreversibili al metabolismo.
Secondo punto fondamentale, non farsi ingannare dall’etichetta con la scritta light, perchè come già abbiamo detto, light non è sinonimo di leggerezza e di poche calorie.



Quindi anche la dicitura “senza zuccheri aggiunti” non significa che siano privi di zucchero e quindi magri, ma al contrario, contengono la stessa percentuale di zuccheri di altri prodotti, ma sotto forma di aspartame, che è cancerogeno.
Il metodo migliore per affrontare una dieta è quello di introdurre meno calorie di quelle che si consumano e il gioco è fatto: prima di tutto perchè non è una dieta traumatica sia a livello fisico che a livello mentale e poi perchè è l’unico modo efficace per perdere peso senza fare troppa fatica.
Poi il secondo step è quello di fare della moderata attività fisica, che oltre a far perdere peso più in fretta, migliora l’umore, abbassa l’incidenza di malattie cardiovascolari e accelera il metabolismo (col risultato evidente di perdere peso più in fretta).
Altro passaggio importante è quello di distribuire le calorie in modo oculato durante la giornata, che significa principalmente mangiare di più a colazione e a pranzo, per non arrivare alla sera in preda ai morsi della fame e avere anche il tempo per bruciare le calorie durante il giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>