Tradimento: è colpa di un gene

di Elena Botta

Ci sono molte persone che sembrano non riuscire ad essere fedeli al partner e pare che la colpa sia dovuta al loro corredo cromosomico, in particolar modo ad un gene che è anche stato collegato alla dipendenza da alcol e dal gioco d'azzardo

tradimento

Ci sono molte persone che sembrano non riuscire ad essere fedeli al partner e pare che la colpa sia dovuta al loro corredo cromosomico, in particolar modo ad un gene che è anche stato collegato alla dipendenza da alcol e dal gioco d’azzardo.
Infatti questo fa parte dello stesso sistema recettoriale che implica la sensazione di piacere e ricompensa che porta gli uomini a cadere nella trappola del tradimento e del vortice del gioco d’azzardo e dell’alcolismo cronico.
Questa ricerca, condotta da un gruppo di ricercatori della State University di New York, è apparsa recentemente sul quotidiano inglese Daily Mail in cui si spiega che il gene in questione è responsabile del rilascio di dopamina ossia il neurotrasmettitore che permette la percezione del piacere.



Questo ha dimostrato che le persone che possiedono questa variante genetica sono più inclini al tradimento, di solito di una notte e via e senza implicazioni affettive.
E’ vero che le persone che godono di buona salute hanno una migliore attività sessuale, però questo studio non giustifica le trasgressioni e nemmeno sostiene che tutti coloro che posseggono questo gene incriminato siao per forza infedeli.
E’ stato riscontrato che il tasso di tradimenti è superiore nelle persone che lo posseggono ma di certo non è implicabile solo a quello, ma anche a determinati fattori ambientali o vera e propria casualità.
Questo studio, di fatto evidenzia soltanto la componente fisiologica del tradimento che ha una possibile correlazione con i comportamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>