Lista cellulari pericolosi che possono provocare il cancro

di admin

Tumori e cellulari sembrano sempre più in correlazione, per difendersi comprate un cellulare che emette meno onde e seguite queste semplici 12 regole...

114253877

Si parla sempre più spesso di una correlazione tra tumori e radiofrequenze. Recentemente un team di 34 esperti dell’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro dell’Oms ha stabilito che l’uso continuo di cellulari e smarthphone “potrebbe causare il cancro”. Sul banco degli imputati tornano quindi le onde radio trasmesse dai dispositivi mobili, classificate come “possibilimente cancerogene“. Lo studio e la valutazione complessiva saranno resi pubblici in una monografia di prossima pubblicazione.
Nel frattempo il sito CNET France e Le Monde hanno confrontato i più diffusi smarthphone in commercio per stabilire quali tra questi sono i più pericolosi per la salute. La classifica che vi riportiamo di seguito è in base alla quantità di onde emesse (indice DAS o SAR: onde per chilo corporeo).


I 10 smartphone meno pericolosi per la salute:

1. Samsung Galaxy S 0,23 W/kg
2. Samsung Galaxy S 2 0,33 W/kg
3. HTC Desire S 0,35 W/kg
4. Sony Ericsson Xperia Play 0,36 W/kg
5. Samsung Nexus S 0,5 W/kg
6. HTC 7 Mozart 0,53 W/kg
7. LG Optimus 2X P990 0,54 W/kg
8. iPhone 4 0,59 W/kg
9. Samsung Wave 2 0,62 W/kg
10. Samsung Player 5 0,63 W/kg
10 bis. HTC HD2 0,63 W/kg

I 10 smartphone più pericolosi per la salute:

1. Sony Ericsson X10 Mini Pro 1,61 W/kg
2. Sony Ericsson Satio 1,58 W/kg
3. BlackBerry Curve 9300 1,45 W/kg
4. BlackBerry Bold 9780 1,11 W/kg
5. Sony Ericsson Yendo 1,07 W/kg
6. Nokia C6 1,05 W/kg
7. Sony-Ericsson Vivaz 1,04 W/kg
8. Nokia N8 1,02 W/kg
9. BlackBerry Curve 8520 1,02 W/kg
10.Nokia 7230 0,97 W/kg

Ma come difendersi da queste onde potenzialmente cancerogene?
La soluzione più sicura, ma chiaramente improponibile, sarebbe quella di buttare il nostro cellulare; in alternativa possiamo seguire queste semplici regole:


Le 12 regole per difendersi dalle onde elettromagnetiche:

1. Non dare un cellulare a bambini sotto i 15 anni. Gli adolescenti sono particolarmente vulnerabili alle radiazioni elettromagnetiche.

2. Evitare il contatto del cellulare con la pancia di una donna incinta. Le cellule embrionali sono molto sensibili alle onde emesse dai dispositivi mobile.

3. Se siete portatori di pacemaker o altri impianti evitate di tenere un cellulare a meno di 20 cm da voi.

4. Al momento di acquistare un nuovo dispositivo preferite i modelli che presentano un valore SAR più basso (vedi la classifica sopra).

5. Non tenere il cellulare vicino al cuore, all’ascella o agli organi genitali.

6. Usa sempre gli auricolari, preferibilmente quelli con il cavo che non emanano ulteriori onde.

7. Limita il numero e la durata delle chiamate. Un numero consigliato è di 6 telefonate al giorno di non più di 3 minuti ciascuna. Inoltre tra una telefonata e l’altra fate passare almeno 1 ora e 30 minuti.

8. Chiamate in condizioni di massima ricezione. Chiamare utilizzando una rete sbagliata aumenta dalle 2 alle 4 volte le onde rilasciate dal vostro cellulare.

9. Non chiamate mentre siete in movimento.

10. Telefonare in auto o in qualsiasi altra struttura metallica amplifica il rischio, l’effetto “gabbia di Faraday” infatti cattura e riflette le onde emesse dai telefoni cellulari.

11. Come per il fumo passivo evitate di stare a contatto con chi parla al cellulare.

12. Durante la notte non tenete il telefonino in carica a meno di 50 cm dalla testa.

Commenti (1)

  1. Salve.intanto complimenti per l articolo,
    Io ho un samsung galaxy s gt 19000. . . Mi sono informato su internet e il SAR come quelli degli altri samsung è basso.
    Una Domanda :
    ma se metto il telefono in modalità offline la notte a circa 30-50 cm. sotto carica, emana onde radio lo stesso ?
    E se utilizzo in modalità offline il cellulare per esempio x ascoltare musica durante la notte è un problema? Oppure le onde radio si considerano un problema solo per quanto riguarda la rintraccibilità del dispositivo (chiamare e ricevere)
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>