Bloccare un batterio nella bocca della madre per impedirne la diffusione nella placenta

di Luca Bruno

feto1

Bloccare un batterio innocuo nella bocca della madre ma che è altamente pericoloso se raggiunge il feto, questo l’obbiettivo di uno studio condotto da una ricercatrice della Case Western Reserve University School of Dental Medicine, Yiping Han, pubblicato a luglio sulla rivista Infection and Immunity.
Analizzando a fondo il batterio la ricercatrice ha scoperto che questo possiede nei geni una molecola, adesina proteina, denominata Fada, la quale permette al batterio di entrare in contatto con le cellule epiteliali della bocca e con le cellule endoteliali della placenta.

Ciò permette al batterio di trovare la strada per passare dalla bocca della madre alla placenta, dove, in un ambiente privo di difese immunitarie per permettere al feto di non essere respinto dall’organismo materno, il batterio si moltiplica.

L’aumento del numero di batteri nella placenta provoca l’infiammazione di questa, con la conseguenza di innescare un processo che può portare sia a parti prematuri che alla morte del feto.

Bloccare la possibilità del batterio di diffondersi significa quindi agire sulle molecole che permettono a questo di associarsi alle cellule, e quindi prima di tutto evitare che il batterio possa sviluppare la capacità di legarsi, privandolo delle proteine Fada.

La ricerca inoltre ha evidenziato che è necessario anche indagare su come le cellule endoteliali e quelle epiteliali attivano dei recettori che permettono al batterio di iniziare a costituire il legame che permetterà la sua diffusione.

Un’azione congiunta, privare il batterio della proteina adesina, ed inibire i recettori delle cellule della madre, sarebbe in grado di contrastare efficacemente la diffusione del batterio ed il pericoloso approdo di questo nella placenta.

Secondo la ricercatrice, identificare questi meccanismi è non solo utile nel caso di questo batterio, ma anche nella prevenzione di malattie parodontali, che oltre a costituire un pericolo per la salute della bocca e dei denti, sono state identificate come fattori scatenanti di altri problemi di salute come le artriti, il diabete e le malattie cardiache.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>