Pomodori contro le malattie del cuore

di Ma.Ma.

Le proprietà benefiche dei pomodori sono tante, ecco perché in assenza di patologie specifiche (per esempio quando si soffre di colite), è questo un ortaggio assolutamente da consumare.


E tra i tanti benefici dei pomodori, ce ne è uno che è stato confermato al termine di una revisione di 21 studi condotta dai ricercatori della Northumbria University. I risultati dello studio sono stati anche pubblicati sulla rivista Atherosclerosis e indicano il pomodoro come un alleato prezioso per tenere alla larga le malattie del cuore. In particolare a beneficiare di un utilizzo costante di questa verdura sarebbero i valori di colesterolo che, quando alti, si rivelano sempre molto pericolosi per la salute del cuore. Invece il licopene contenuto nel pomodoro sarebbe in grado di abbassare i valori di colesterolo in modo efficace, riducendo quindi il rischio di incappare in malattie cardiache. Un consumo costante di pomodoro migliora alcuni lipidi nel sangue, la pressione sanguigna e la funzione endoteliale.

Insomma i pomodori sono dei veri e propri alleati del benessere fisico, come sottolinea anche Andrea Poli, presidente di Nutrition Foundation of Italy:

E’ interessante osservare come gli effetti protettivi del licopene e dei derivati del pomodoro siano complementari e non sovrapponibili tra di loro. Il pomodoro migliorerebbe il profilo lipidico, ed il licopene (di cui il pomodoro è molto ricco) i valori della pressione sanguigna. Gli alimenti come il pomodoro, e i loro principi attivi purificati, come il licopene, sembrano agire in sinergia nella prevenzione cardiovascolare, ciascuno aggiungendo qualcosa agli effetti protettivi dell’altro

 POMODORI E CAROTE RIDUCONO IL RISCHIO DI MELANOMA

POMODORO AIUTA A PREVENIRE LA DEPRESSIONE

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>