Mangiare pesce tutti i giorni riduce il rischio di sindrome metabolica

di Luca Bruno

Maqgniare il pesce tutti i giorni allontana il rischio di sindrome metabolica, quell'insieme di condizioni che mettono a rischio la salute del cuore e dell'organismo in generale.

pesce

Gli uomini di mezza età ed anziani che mangiano pesce tutti i giorni hanno meno probabilità di sviluppare quell’insieme di fattori di rischio conosciuto come sindrome metabolica, che causa malattie cardiache, diabete ed ictus.
Lo ribadisce un recente studio realizzato da ricercatori coreani della Kookmin University di Seoul.
Che una dieta a base di pesce sia salutare viene dimostrato dai ricercatori con l’analisi dei dati raccolti su un campione di 3500 uomini di età compresa tra i 40 ed i 69 anni.

Dei 232 uomini che hanno affermato di mangiare pesce ogni giorno dall’inizio della ricerca, solo 29 , e quindi circa il 12% ha rilevato i segnali di una sindrome metabolica, mentre negli 190 uomini che hanno affermato di mangiare pesce una sola volta per settimana, la percentuale di coloro che in seguito hanno sviluppato una sindrome metabolica raggiungeva il 16%.

Nel complesso dello studio i ricercatori hanno osservato, escludendo altri fattori come l’esercizio fisico, lo stile di vita, l’abitudine al fumo ed il reddito, come chi mangia pesce tutti i giorni ha una probabilità del 57% inferiore di sviluppare la sindrome metabolica.

Quest’ultima viene identificata come quell’insieme di fattori di rischio per alcuni problemi di salute molto seri come il diabete, le malattie cardiache e l’ictus: tra i più noti e conosciuti tra i fattori di rischio si contano l’obesità addominale, la pressione alta, livelli elevati di zucchero nel sangue, bassi livelli di colesterolo buono ed alti livelli di trigliceridi.

La sindrome viene di solito diagnosticata quando una persona presenta tre o più di questi fattori, che insieme possono raddoppiare il rischio di infarti ed ictus.

Sebbene non sia ancora chiaro il motivo per cui una dieta quotidiana a base di pesce appaia così salutare, secondo i ricercatori uno dei motivi sarebbe da ricercare nella presenza dei famosi acidi grassi omega 3, che spesso si trovano in abbondanza nel pesce, in particolare salmone, sgombro e tonno, che avrebbe effetti benefici sul cuore e proprietà antiossidanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>