Cosa mangiare ad un buffet per mantenere la linea?

di Elena Botta

Oggi vogliamo suggerire un comportamento corretto di fronte ad un buffet, in modo da non ritrovarsi poi con addosso chili di troppo, bruciore di stomaco ed un senso di colpa grande come una cattedrale gotica.

Buffet001

Abbiamo già parlato di quanto possa essere dannoso per la salute e per la linea fare l’happy hour o mangiare in ufficio seduti alla scrivania panini o merendine (il cosiddetto desk eating) ricche di grassi e difficili da digerire.
Ebbene, oggi vogliamo suggerire un comportamento corretto di fronte ad un buffet, in modo da non ritrovarsi poi con addosso chili di troppo, bruciore di stomaco ed un senso di colpa grande come una cattedrale gotica.



Prima di tutto è importante identificare il junk food, che, se anche a mangiarlo dà molta soddisfazione, ci fa mettere su chili alla velocità della luce, ma che quando sarà ora di smaltirli sarà un’impresa ardua.
Quindi per non cadere in tentazione è importante riempirsi il piatto di cruditè di ogni tipo, dalle carote ai peperoni in modo che non da non assumere troppe calorie, ma, allo stesso tempo, ci danno un senso di sazietà grazie all’acqua contenuta.
Bisogna tenersi lontani da tartine di vario tipo e genere perchè contengono salse ricche di grassi, noccioline, patatine, frutta secca e olive perchè sarebbe come bere direttamente un bicchiere colmo di olio.
20 arachidi corrispondono a ben 60 calorie e calcolando che se ne mangiano a manciate, è facile arrivare in un attimo alle calorie corrispondenti ad un piatto di pasta.
Ma soprattutto i grissini sono assolutamente intoccabili, perchè nascoste dietro un’apparenza innocua, ci sono ben 100 calorie in ognuno.
Le due regole d’oro fondamentali sono: mangiare lentamente, facendo bocconi piccoli e bere molta acqua tra un piatto e l’altro, in modo da creare volume nello stomaco e ridurre il senso di fame.
Una curiosità: al cervello servono 12 minuti per registrare il senso di sazietà in una persona magra, mentre in una obesa ben venti.

Commenti (1)

  1. A large percentage of of what you mention happens to be supprisingly accurate and that makes me ponder the reason why I hadn’t looked at this in this light previously. Your piece truly did turn the light on for me as far as this particular subject goes. Nevertheless at this time there is actually one point I am not necessarily too comfy with so whilst I make an effort to reconcile that with the actual central theme of your point, let me observe just what the rest of the visitors have to say.Very well done.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>