Celiachia e gravidanza a rischio

di Elena Botta

La celiachia può provocare l'interruzione di gravidanza perchè, se non curata, divora la placenta, distruggento il luogo in cui il feto si sviluppa e cresce

pasta-norma1

La celiachia può provocare l’interruzione di gravidanza perchè, se non curata, divora la placenta, distruggento il luogo in cui il feto si sviluppa e cresce.
Questa scoperta è stata fatta dai ricercatori del policlinico Gemelli di Roma i quali hanno riscontrato un legame profondo tra la malattia e gli aborti precoci.
Molte donne che soffrono di celiachia, se non la curano durante la gravidanza hanno probabilità molto elevate di perdere il bambino, ma il problema è che molte donne con questo tipo di problema ginecologico non sanno di essere celiache, per cui non possono evitare la perdita involontaria del feto.



Gli anticorpi alla base della celiachia, ossia l’intolleranza al glutine che è la proteina del grano, si infiltrano all’interno della placenta andando a distruggere le cellule placentari che permetto al feto di annidarsi all’interno dell’utero e svilupparsi.
Il fatto della celiachia è che è una malattia che spesso non presenta una sintomatologia evidente e quindi viene sottovalutata e molte persone ne soffrono senza saperlo; questo quindi che dovrebbe essere analizzato accuratamente con esami come si fa per la toxoplasmosi, (ora esi specifici,ste anche una nuova strategia per combatterla).
La celiachia è una malattia molto pericolosa per la donna, perchè, oltre a provocare aborti spontanei, può creare problemi e ritardi di sviluppo fetale, parti prematuri e portare alla menopausa precoce o addirittura provocare l’osteoporosi.
La soluzione preventiva in questi casi è seguire una dieta senza glutine a partire almeno dai sei mesi prima del concepimento in modo da azzerare la presenza di questi anticorpi distruttivi presenti nel sangue.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>