Pielonefrite, cos’è, cause e sintomi

di Cinzia Iannaccio

Che cosa è la pielonefrite? Si tratta di un’infezione grave ai reni: tale condizione porta i reni a gonfiarsi, provocando danni anche permanenti oltre che un rischio per la vita. E’ particolarmente importante saper riconoscere i sintomi perché potrebbe trattarsi di un’emergenza medica, nelle sue forme acute più intense e repentine. In presenza di attacchi infettivi ripetuti o persistenti si parla di pielonefrite cronica, che è comunque piuttosto rara. Abitualmente si è in presenza di quella che viene definita pielonefrite acuta.

pielonefrite

Quali sono i sintomi della pielonefrite?

I sintomi compaiono solitamente entro 1 o 2 giorni dopo l’inizio dell’infezione. Possono essere molto diversi a seconda dei casi e soprattutto in base all’età. Tuttavia è possibile stabilire delle sintomatologie comuni a tutti:

  • Febbre alta oltre i 39°
  • Mal di schiena, dolori addominali, al fianco o all’inguine
  • minzione dolorosa o bruciore
  • Minzione urgente /frequente
  • urina torbida
  • Odore forte delle urine
  • pus o sangue nelle urine
  • urine torbide odore

Altri sintomi possono includere:

  • brividi
  • nausea
  • vomito
  • dolore o sensazione di malessere generale
  • stanchezza
  • sudorazione
  • confusione mentale (comune negli anziani e spesso il loro unico sintomo)

I pazienti con pielonefrite cronica solitamente ne sviluppano una forma lieve e con mancanza di sintomi

Pielonefrite, le cause

L’infezione di solito inizia nel tratto urinario inferiore: cioè da un’infezione delle vie urinarie. I batteri entrano nel corpo attraverso il tubo che porta l’urina dal corpo (uretra) e cominciano a moltiplicarsi e diffondersi fino alla vescica . Dalla vescica, i batteri viaggiano attraverso gli ureteri ai reni. L’ Escherichia coli , è il più comune degli agenti infettivi di questo tipo, ma di certo non l’unico. La pielonefrite cronica è più comune nei bambini o in pazienti con ostruzioni delle vie urinarie.

Fattori di rischio

Quando il tratto urinario è di dimensione o forma insolita, è più probabile che le infezioni possono portare a pielonefrite acuta. Chiunque con calcoli renali o altre condizioni patologiche dei reni o alla vescica può incappare in questo rischio. Ogni volta che c’è un problema che interrompe il normale flusso di urina vi è un maggior rischio di pielonefrite acuta. Le donne inoltre sono più soggette a questa problematica. Questo accade perché la loro uretra è più corta di quella di un uomo, favorendo così le infezioni batteriche renali.

Anche le persone con un sistema immunitario compromesso sono a maggior rischio di pielonefrite, come gli anziani, le persone con il diabete, l’AIDS o il tumore.

Altri fattori possono rendere vulnerabile alle infezioni urinarie e renali come ad esempio:

  • utilizzo di un catetere
  • essersi sottoposti a cistoscopia
  • chirurgia del tratto urinario
  • prostata ingrossata
  • alcuni farmaci
  • nervo o danni al midollo spinale
  • reflusso vescico-ureterale

Diagnosi

Per la diagnosi, il medico effettuerà una visita clinica con palpazione dell’addome, la valutazione dei sintomi e soprattutto, prescriverà un esame delle urine per verificare la presenza di batteri e dunque di infezione, sangue o pus. Ecografia o raggi X possono essere utili per una diagnosi più precisa. La cura standard è quella con antibiotici.

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Cibi contro le infezioni urinarie

Sintomi escherichia coli

Foto: Thinkstock

Fonte: Health Line.com

 

 

Commenti (2)

  1. He is the only player on this list I’d truly want to see donning orange and blue against next season.
    vans era 59 noir http://www.tarotcardreader.co.in/numerology.php?p_id=vans-era-59-noir

  2. He has not yet pitched in a Grapefruit League game and is reportedly dealing with a calf issue.
    all red puma shoes https://www.jayksa.com/Startup.asp?shop=all-red-puma-shoes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>