Bassi livelli di vitamina D e sindrome metabolica

di Luca Bruno

La vitamina D svolge una funzione preventiva di notevole efficacia contro lo sviluppo di diabete e sindrome metabolica.

vitaminaD

Di recente sono usciti un paio di nuovi studi che provano come bassi livelli di vitamina D possono avere un legame evidente con lo sviluppo di sindromi metaboliche e diabete.
Lo riporta HealthDay, che afferma come entrambe le ricerche saranno presentate tra breve al meeting annuale della Endocrine Society statunitense che si tiene a San Diego.

Il primo dei due studi, realizzato da ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine a Baltimora ha preso in rassegna le cartelle cliniche di 124 pazienti affetti da diabete di tipo 2 in cura specialistica tra il 2003 ed il 2008.

Il 90% di questi, che avevano età compresa tra 36 e 89 anni, risultavano avere carenza di vitamina D. Solo nel 6% dei casi i pazienti utilizzavano integratori alimentari per aumentare i livelli di vitamina D.

Quelli che avevano i più bassi livelli di vitamina D sono risultati avere una probabilità più alta di avere livelli di zucchero elevati nel sangue.

Un secondo studio condotto in Olanda su un campione di 1300 tra uomini e donne bianchi e di età superiore ai 65 anni ha verificato che nel 37% dei casi questi presentavano una sindrome metabolica, e la metà risultavano carenti di vitamina D.

Indipendentemente dal sesso, i pazienti che presentavano quantità insufficienti di vitamina D nel sangue risultavano avere una probabilità più alta di sindrome metabolica, considerata come quell’insieme di fattori di rischio per la salute che comprende ipertensione, obesità addominale, livelli di colesterolo anomali e iperglicemia.

Una serie di condizioni che aumentano il rischio di diabete e malattie cardiovascolari, e che, secondo i ricercatori, un apporto di vitamina D potrebbe aiutare a prevenire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>