Una modica quantità di birra rafforza la densità ossea nelle donne

di Luca Bruno

Per le donne, bere moderate quantità di birra può essere utile per il rafforzamento delle ossa. Questo sostiene, sulla base di una ricerca condotta su un campione di 1700 donne, un gruppo di ricercatori spagnoli, dell'Università di Estremadura in Caceres, che hanno pubblicato i dati dello studio sulla rivista Nutrition.

birra

Per le donne, bere moderate quantità di birra può essere utile per il rafforzamento delle ossa. Questo sostiene, sulla base di una ricerca condotta su un campione di 1700 donne, un gruppo di ricercatori spagnoli, dell’Università di Estremadura in Caceres, che hanno pubblicato i dati dello studio sulla rivista Nutrition.
La densità ossea delle donne coinvolte nello studio è risultata infatti percentualmente migliore in quelle che bevevano in maniera regolare rispetto alle non bevitrici.

L’osteoporosi è un disturbo comune nelle donne in post-menopausa, ed è una delle cause dell’aumento dei rischi di fratture e di problemi alle ossa.

Gli scienziati stavano cercando quali sostanze potessero contribuire a mantenere la forza e la robustezza delle ossa nelle donne in menopausa.

Le donne reclutate nello studio, di età media di 48 anni, sono state sottoposte ad ultrasuoni per verificare la densità delle ossa delle dita. I risultati sono stati incrociati per verificare quanto questa potesse essere associata a fattori come età, peso corporeo ed abuso di alcool.

Le donne definite come “leggere” o “moderate” bevitrici di birra, con un consumo quindi pari e non superiore a 280 grammi di alcool alla settimana, sono risultate avere una densità ossea superiore alle donne non bevitrici.

Il team di esperti spagnoli, che ricordano come in passati ricercatori di altri paesi avevano riscontrato risultati analoghi (come un’equipe di ricercatori del St. Thomas Hospital di Londra), hanno voluto comunque puntualizzare che non è l’alcool a provocare l’effetto, quanto piuttosto le sostanze presenti nella birra, i fitoestrogeni, e che comunque si tratta sempre e necessariamente di un consumo moderato.

Gli esperti sottolineano poi che la linea di demarcazione tra una “sana” dose di alcol ed una dannosa è molto difficile da stabilire e varia da persona a persona.

La notizia quindi, se pur interessante, non può essere interpretata come stimolo ad aumentare la propria dose di alcool, visto che invece l’abuso può ottenere l’effetto contrario, ovvero compromettere la salute delle ossa e portare a tanti altri problemi di salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>