Sindrome emolitico uremica

di Elena Botta

La sindrome emolitico uremica è una patologia che si verifica di solito quando si contrae un’infezione nel sistema digestivo che produce sostanze tossiche che debellano i globuli rossi e colpiscono i reni.

Dopo aver parlato della sindrome di Lambert – Eaton, della sindrome di Edwards, della sindrome di Asperger, della sindrome di Williams – Beuner, della sindrome di Rett, della sindrome di Caplan e della sindrome di Sturge – Weber, oggi parliamo della sindrome emolitico uremica.
La sindrome emolitico uremica è una patologia che si verifica di solito quando si contrae un’infezione nel sistema digestivo che produce sostanze tossiche che debellano i globuli rossi e colpiscono i reni.


Questa malattia si associa spesso ad un’infezione gastrointestinale, in particolare è collegata al batterio dell’Escherichia coli, ma è anche collegata anche ad altre infezioni gastrointestinali, tra cui shigella e salmonella.
La sindrome emolitico uremica si manifesta inizialmente con forti attacchi di vomito e diarrea, che può diventare addirittura emorragica e nel giro di una settimana, la persona può diventare molto debole e irritabile, in più è possibile che si smetta di urinare in quanto il corpo non produce più urina.

La patologia si manifesta più comunemente nei bambini e fino a qualche decennio fa era molto rara, ma negli ultimi anni è in aumento.
Oggi la sindrome emolitico uremica è la più comune causa di insufficienza renale acuta nei bambini.

Si può manifestare assieme ad una varietà di altre patologie ed infezioni, e può essere contratta a seguito dell’assunzione di alcuni farmaci, come mitomicina C o ticlopidina ed è molto simile ad un’altra malattia chiamata porpora trombotica trombocitopenica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>