I bambini che mangiano male sono meno intelligenti

di Elena Botta Commenta

Un alimentazione ricca di grassi rispecchia anche un'intelligenza meno brillante.

news-bambini_cibo_spazzatura

Spesso abbiamo parlato di come il cibo spazzatura, il cosiddetto junk food,sia da evitare perchè è dannoso per la salute e che soprattutto se una donna è in gravidanza, questa tipologia di alimenti potrebbe addirittura creare nel nascituro problemi metabolici e non solo.
Ora uno studio ha dimostrato la veridicità del detto “siamo ciò che mangiamo” e che i ragazzi hanno spesso la tendenza di rimpinzarsi di cibi non salutari come fritti, dolci confezionati (che ricordiamo, contengono grassi saturi e sostanze nocive come l’olio di palma) carni che vengono sottoposte a processi di trasformazione molto complesse e quindi nocive per la salute se consumate in larga quantità.



E questo tipo di alimentazione rispecchia anche un’intelligenza meno brillante.
Uno studio americano ha preso in esame 4000 bambini compresi tra i 3 e gli 8 anni di età e le loro abitudini alimentari: gli studiosi hanno così diviso i bambini in tre sottogruppi.
Nel primo gruppo sono stati inseriti i bambini che hanno seguito un alimentazione basata su cibi pronti e ricchi di grassi e zuccheri, nel secondo quelli che avevano una dieta ricca di carne, patate e verdure, mentre nell’ultimo gruppo sono stati inseriti i bambini che seguivano un regime alimentare equilibrato, ricco di pesce, frutta e verdura.
I ricercatori hanno preso in esame anche fattori esterni legati all’ambiente in cui vivevano i bambini come per esempio l’istruzione dei genitori, le condizioni socio economiche della famiglia di provenienza e la durata dell’allattamento al seno: i ricercatori hanno concluso che l’intelligenza dei bambini con una dieta ricca di grassi e di scarsa qualità risultava essere inferiore rispetto agli altri gruppi di bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>