Sclerosi Multipla e CCSVI: un passo indietro dai ricercatori

di Elena Botta Commenta

In questi ultimi mesi si è parlato spesso della scoperta del dottor Zamboni che ha correlato la sclerosi multipla con la CCSVI, sostenendo che quest'ultima fosse all'origine delle cause che portano ad avere la sclerosi

sclerosi

In questi ultimi mesi si è parlato spesso della scoperta del dottor Zamboni che ha correlato la sclerosi multipla con la CCSVI, sostenendo che quest’ultima fosse all’origine delle cause che portano ad avere la sclerosi; ebbene, uno studio dell’università di Buffalo non vi sarebbero evidenze di questa correlazione.
Una doccia fredda per tutti coloro i quali sostengono le teorie del dottor Zamboni come Nicoletta Mantovani, la vedova di Luciano Pavarotti che da anni soffre di sclerosi multipla e si batte affinchè il governo permetta le sperimentazioni su larga scala.



Secondo questo studio infatti non esisterebbe una correlazione tra la patologia autoimmune e l’insufficienza venosa cerebro -spinale cronica, un disturbo che non permette al sangue di defluire all’interno delle vene del collo a causa di un’occlusione.
I recenti studi invece smentirebbero l’alterazione dell’emodinamica venosa cerebrale e quindi le conclusioni della ricerca di Zamboni.
A quanto si evince invece da questi studi, il rapporto tra la CCSVI e la sclerosi è al contrario rispetto a quello ipotizzato dal dottor Zamboni, ossia che la CCSVI sia una conseguenza della sclerosi multipla e non viceversa.
Questo, secondo i ricercatori,vuol dire che sarebbe meglio che i pazienti non si sottoponessero all’intervento chirurgico che ha l’obiettivo di disostruire le vene occluse al fine di influenzare positivamente il decorso della sclerosi multipla.
Quindi i medici parlano di prudenza e di non idealizzare un caso mediatico come questo al fine di dare delle false speranze ai malati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>