Artrite reumatoide e dieta

di Cinzia Iannaccio

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria che colpisce varie articolazioni – per lo più delle mani e dei piedi, comportando dolore e alla lunga deformazione ed invalidità. Si tratta di una malattia autoimmune: il sistema immunitario cioè, non è noto per quale motivo, va in confusione e comincia ad individuare alcuni tessuti come agenti esterni pericolosi e dunque da distruggere. Nell’azione si sviluppa il fenomeno infiammatorio dell’artrite. La scienza non ci ha ancora fornito la causa di questo comportamento anomalo da parte del sistema immunitario, ma negli ultimi anni sembra suggerire un certo legame con la dieta: non sono noti alimenti che causano artrite reumatoide, ma molti pazienti raccontano una diminuzione dei sintomi in seguito ad una alimentazione particolare. Quale?

artrite reumatoide e dieta

Cibi da evitare in caso di artrite reumatoide

Alcune persone affette da artrite reumatoide segnalano una diminuzione della sintomatologia evitando di consumare alimenti della famiglia delle solanacee (come i pomodori, le patate, i peperoni i peperoncini, le bacche di Gojii e le melanzane). Nello stesso contesto e in quanto ritenuti anch’essi favorenti l’infiammazione andrebbero evitati cibi troppo raffinati,  ad alto contenuto di grassi saturi  (come le carni rosse) e di zuccheri (caramelle e dolci) il cui abuso è sempre sconsigliato, anche in persone sane o affette da altre patologie non di origine infiammatoria. Lo stesso dicasi per latticini e alcol. Non ci sono grandi evidenze scientifiche a prova di ciò, che cioè questi alimenti siano considerabili infiammatori per le articolazioni, ma nessuno vieta (nel senso che non esistono controindicazioni) di testare questo suggerimento dietetico almeno per qualche tempo, per poter verificare se i sintomi effettivamente migliorano oppure no (non tutti i pazienti raccontano la medesima esperienza positiva). Alcuni studi scientifici sembrano evidenziare anche una certa correlazione tra artrite reumatoide ed intolleranza al glutine: in questo caso è opportuno parlarne con il proprio medico per valutare la contemporanea presenza delle due patologie o meno ed eventualmente iniziare ad assumere una alimentazione gluten free.

 

Cibi anti-infiammatori, da assumere in caso di artrite reumatoide

Al contrario, esistono più studi scientifici che evidenziano il potere terapeutico di alcuni alimenti in caso di artrite reumatoide, tanto da considerarli capaci di ridurre l’infiammazione e dunque di essere definiti come veri e propri cibi anti-infiammatori. Sono gli stessi specialisti in reumatologia spesso a suggerire un approccio terapeutico anche nutrizionale basato sul consumo di alcuni cibi e nutrienti piuttosto che altri. Quali sono? Di certo gli acidi grassi omega-3 presenti nel pesce (in particolare nel salmone, nel merluzzo e sardine), nelle noci, nella soia, nel tofu nell’olio di colza e nei semi di lino e di zucca.
Uno studio condotto dalla Mayo Clinic inoltre, ha dimostrato come una dieta ricca di frutta e verdura aiuti a prevenire nelle donne l’artrite reumatoide. Si parla di prevenzione però in questo caso e non di azione antinfiammatoria, anche se molti sono i fautori della dieta vegetariana (se non vegana) nel contrastare tale patologia autoimmune.

 

Il controllo del peso

Una qualunque dieta atta a contrastare l’artrite reumatoide non può prescindere dal controllo del peso corporeo: l’obesità aumenta il carico sulle articolazioni già sottostress ed aumenta in generale la risposta infiammatoria dell’organismo.

 

Leggi anche:

Batteri intestinali e artrite reumatoide

Sintomi artrite reumatoide

Broccoli proteggono contro artrite e artrosi

 

 

 

Foto: Thinkstock

Fonte: Nutrition. About.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>