Yogurt magro aiuta a mantenersi in forma

di Fabiana Commenta

Lo yogurt magro con la frutta vanta proprietà antiobesità

yogurtLo yogurt rappresenta un alimento particolarmente indicato per chi è a dieta e in effetti non si tratta solo di una leggenda metropolitana.

A confermarlo è uno studio condotto dai ricercatori della Tufts University di Boston negli Stati Uniti e pubblicato sull’International Journal of Obesity che sottolinea le proprietà antiobesità dello yogurt. 

 

 

Lo studio è stato condotto per un lungo periodo (in media 13 anni) su un gruppo di volontari: ne è emerso che chi consumava almeno tre porzioni di yogurt alla settimana presentava un aumento del peso annuo pari alla metà di quanti ne consumavano meno di una porzione alla settimana. Andando a quantificare la quantità richiesta sarebbe di 160 gr rispetto a 70 gr.

Insomma lo studio conferma chiaramente che lo yogurt è indicato non solo per chi è a dieta, ma anche per tutti coloro che vogliano mantenere il giusto peso: in genere poi chi mangia regolarmente yogurt è sempre molto attento all’alimentazione.

MANGIARE YOGURT RIDUCE L’IPERTENSIONE

È innegabile che lo yogurt sia ricco di ottime proprietà visto che è sano, nutriente e indicato anche per chi è intollerante al lattosio. 

Attenzione però perché non bisogna generalizzare: non tutti gli yogurt sono magri visto che le calorie variano in base al latte utilizzato e alle sostanze aggiunte. Lo yogurt “giusto” con proprietà antiobesità è lo yogurt magro o al massimo con la frutta anche se dovrebbero essere sempre valutati anche gli zuccheri aggiunti.

 

La cosa migliore sarebbe quella di scegliere lo yogurt greco, ricco di proteine e molto consistente, con l’aggiunta di frutta fresca: è la soluzione adatta per poter bloccare la fame in modo sano nelle diete ipocaloriche. 

 

E le proprietà dello yogurt non si fermano a quelle antiobesità, ma è utile anche per poter ridurre l’ipertensione: anche in questo caso lo studio ha dimostrato che è necessario mangiare yogurt tre volte a settimana per avere riscontri positivi. Sarebbe infatti il giusto apporto di calcio, potassio e magnesio a contribuire a ridurre l’ipertensione arteriosa.

 
Foto Thinkstock

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>