12 milioni di italiani soffrono di dolore cronico

di Vito Verna Commenta

In questo il paziente potrà godere di una diagnosi completa, che non si limiti alla malattia in quanto tale ma che comprenda il dolore cronico quale parte integrante della stessa, così da avere migliori possibilità di guarigione o, per lo meno, così da riuscire a soffrire il meno possibile.

12 milioni di italiani soffrono di dolore cronico

Sono ben 12 milioni le persone che, ogni anno, in Italia soffrono di dolore cronico.

YOGA UTILE CONTRO I DOLORI CRONICI

Moltissime di queste ne soffrirebbero a causa di un tumore ormai terminale e, purtroppo, la quasi totalità dei poc’anzi citati 12 milioni di individui non avrebbe accesso alle cure più adeguate e non verrebbe trattato nel migliore dei modi possibili giacché in Italia, stando agli approfonditi studi effettuati sul delicato argomenti negli ultimi anni, il dolore cronico continuerebbe a venir inteso quale un semplice sintomo e non già, come invece dovrebbe essere, e già è in moltissimi Paesi dell’Unione Europea, quale una vera e propria malattia.

CANNABIS ALLIEVA I SINTOMI DEL DOLORE CRONICO

Il 21% della popolazione italiana, il 56% della quale composta da individui di sesso femminile, soffrirebbe dunque di dolore cronico e, per tutti loro, solamente recentemente si sarebbe cominciato a fare qualcosa grazie, soprattutto, all’istituzione del Centro di Medicina del Dolore del Centro Diagnostico Italiano che, da oltre 30 anni, si occuperebbe di diagnostica per immagini, diagnostica domiciliare e diagnostica specialistica.

DOLORE NEUROPATICO

Presso questa innovativa struttura, come dichiarato sin’anche sul sito internet ufficiale dell’importante istituzione medico – clinica, il paziente avrà l’incredibile opportunità di venir visitato da un esperto algologo, ovverosia da un professionista specializzato nell’individuazione e nel trattamento del dolore, che avrà lo scopo, come ci si potrebbe facilmente immaginare, di effettuare una diagnosi che coinvolga l’intero sistema nervoso, sia centrale che periferico, nonché la risposta di quest’ultimo ai più differenti stimoli sensoriali quali, per l’appunto, il dolore.

In questo il paziente potrà godere di una diagnosi completa, che non si limiti alla malattia in quanto tale ma che comprenda il dolore cronico quale parte integrante della stessa, così da avere migliori possibilità di guarigione o, per lo meno, così da riuscire a soffrire il meno possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>