Rimedi naturali, il carciofo

di Luca Bruno

La spinosa corolla del carciofo evoca sicuramente deliziose immagini di piatti, insalate, fricassee e fritture, ma anche un'immagine di salute e di benessere.

carciofo

La spinosa corolla del carciofo evoca sicuramente deliziose immagini di piatti, insalate, fricassee e fritture, ma anche un’immagine di salute e di benessere.
Spesso del carciofo si mangia solo il cuore, o la parte tenera delle foglie, ignorando il fatto che proprio nella parte più dura di queste si trovano le proprietà benefiche del carciofo.
Dalle foglie e dal fusto del carciofo si estrae infatti una sostanza che è particolarmente benefica per l’organismo, in particolare per mantenere bassi i livelli di colesterolo.

L’estratto che se ne ricava è un eccezionale antiossidante, le cui proprietà purificanti del fegato, del miglioramento nella produzione e nel flusso di circolazione della bile si associano all’aiuto che offre nei disturbi gastrointestinali, problemi digestivi, gas, indigestione, nausea, vomito, ed anche al disturbo da reflusso acido.

Per quanto riguarda il fatto che il carciofo contribuisca a mantenere i livelli di colesterolo nel controllo, recentemente i ricercatori dell’Università di Reading in Inghilterra hanno rilevato che in effetti l’estratto di carciofo abbassa i livelli di colesterolo cattivo.

La sperimentazione è stata compiuta su settantacinque volontari ai quali, divisi in due gruppi, è stata somministrata una pastiglia di estratto di carciofo oppure una pastiglia ad effetto placebo.

Dopo dodici settimane, i risultati hanno evidenziato quanto effettivamente l’estratto di carciofo fosse efficace.

Generalmente, per combattere il colesterolo quando questo raggiunge livelli elevati e quindi diventa un fattore di rischio serio, soprattutto per malattie cardiache e cardiovascolari, vengono utilizzati dei farmaci, le statine, che però in molti casi hanno effetti collaterali anche seri.

I professionisti del settore dicono che l’assunzione di statine è sempre da fare sotto stretto controllo medico, pesando i pro ed i contro del fatto di abbassare drasticamente i livelli di colesterolo ma al contempo, di subire gli effetti collaterali.

L’estratto di carciofo sembra essere in grado di offrire una alternativa importante per mantenere nella norma i livelli di colesterolo, senza portare gli effetti indesiderati delle statine.

Solo in alcuni casi è stato verificato qualche effetto collaterale del carciofo, per esempio in coloro che soffrono della sindrome da intestino irritabile, oppure in chi è allergico a determinate famiglie di piante come le margherite, di cui il carciofo è parente. Anche chi ha i calcoli biliari potrebbe avere qualche problema dall’assunzione dell’estratto di carciofo.

Ma, a parte questi effetti collaterali, il carciofo, secondo i ricercatori, potrebbe essere di grande aiuto sopratutto nelle persone sane che hanno livelli alti di colesterolo ma che non sono ancora nello stadio di dovere essere sottoposti ad una terapia farmacologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>