Uva rossa per combattere caldo e stress

di Vito Verna

L'uva rossa, grazie alla presenza di sostanze benefiche quali serotonina, melatonina e vitamina B, A e C, consentirebbe di affrontare meglio la calura estiva nonché lo stress delle vacanze.

La Coldiretti (Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti, la principale organizzazione italiana di tutela, assistenza e rappresentanza della categoria) è da sempre attiva nella promozione dei prodotti ortofrutticoli, specialmente se appartenenti alla tradizione nostrana, poiché spesso e volentieri, salvo eccezioni di cui bisogna sempre tener conto (le foglie di fico causerebbero gravi ustioni), rappresentano un’ottima soluzione ai più diffusi e comuni disagi, ottimi rimedi contro i disturbi estivi.


Così, dopo aver dato utili consigli, ad inizio estate, pubblicando il decalogo per combattere lo spreco di frutta o la dieta anti-stress, si preoccupa, oggi, di dare spazio ad una notizia molto interessante.

Secondo una recente ricerca dell’Università Statale di Milano, i cui risultati sono addirittura apparsi sul Journal of the Science of Food and Agriculture (l’eminente rivista edita dalla Society of Chemical Industry di Londra), l’uva rossa sarebbe davvero un toccasana per combattere la calura afosa di quest’ultima parte dell’estate del 2011, nonché per abbattere i livelli di stress causati dal ritorno sul luogo di lavoro.

È stato infatti dimostrato che l’uva, quella rossa in particolare, conterrebbe alcune sostanze che avrebbero una spiccata funzione sedativa.

Tra di esse, in particolare, Coldiretti segnala la melatonina (utile per combattere i sintomi del jet lag), la seratonina e l’abbondante presenza di vitamina B, A e C.

Queste tre sostanze, che nell’acino d’uva rossa agiscono in sinergia, riuscirebbero a calmare l’intero organismo. La melatonina, per esempio, è una sostanza in grado di replicare ed amplificare il funzionamento della ghiandola pineale, responsabile dei cicli circadiani e, dunque, del ciclo veglia-sonno, migliorando la qualità del sonno.

La vitamina B, invece, agirebbe come un vero e proprio sonnifero, soprattutto se combinato, come avviene nell’uva rossa, con le vitamine A e C, responsabili del miglioramento della funzionalità dei vasi sanguigni più piccoli.

Infine, sempre secondo questo interessante studio, la serotonina contribuirebbe ad aumentare il senso di benessere e relax percepito dall’individuo che, in questo modo, avvertirebbe, in maniera decisamente meno marcata, gli effetti dello stress dovuti alla fine delle vacanze.

Anche il vino, inoltre, sempre secondo alcune ricerche pubblicate ad agosto, conterrebbe i principi attivi presenti nell’uva ma, in questo caso, sarebbero amplificati tanto che, secondo gli esperti un bicchiere di vino al giorno per dimagrire sarebbe realmente efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>