Depressione, colpisce più le donne e i disoccupati

di Sveva Commenta

La depressione colpisce più le donne e i disoccupati: ad affermarlo è l’Istat che presenta i dati ufficiali.


Il disturbo riguarda in misura maggiore le donne e chi non lavora. Guardando i dati per genere, il tasso di depressione femminile è quasi doppio rispetto a quello maschile (9,1% contro 4,8%). Quanto al lavoro, nella popolazione tra i 35 e i 64 anni dichiara ansia e disturbi depressivi l’8,9% dei disoccupati e il 10,8% degli inattivi rispetto ad appena il 3,5% degli occupati. A tracciare il quadro è l’Istat che, nel report “La salute mentale nelle varie fasi della vita – anni 2015-17”, evidenzia anche un altro dato: sono in aumento gli alunni con disabilità nelle scuole italiane, soprattutto quelli con disturbi di salute mentale, che raggiungono quota 170mila.

Ti potrebbe interessare anche:

La depressione contribuisce all’invecchiamento delle cellule

Depressione post partum varia in base alle stagioni?

Che cos’è la depressione

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>