Sbiancamento denti, sì o no?

di Ma.Ma. Commenta

Avrete sentito sicuramente parlare dello sbiancamento dei denti: è questo un procedimento che, utilizzando alcuni specifici prodotti, tende a donare ai denti un colore più chiaro e più bello da vedere. Ma lo sbiancamento dei denti danneggia i denti stessi oppure no?

Di questo si parla da moltissimo tempo e a fare luce sulla questione, una volta per tutte, è Cristiano Tomasi, dell’Università di Göteborg e membro della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia, il quale ha partecipato a un recente studio presentato al meeting annuale dell’American Society for Biochemistry and Molecular Biology e condotto proprio sui prodotti usati per lo sbiancamento dentale:

Sebbene siano studi in vitro, e quindi da valutare con una certa prudenza specie sul fronte delle possibili implicazioni cliniche queste ricerche pongono l’accento sul fatto che lo sbiancamento è una procedura che inevitabilmente comporta delle alterazioni della struttura dello smalto e della dentina. Bisogna però ricordare che queste alterazioni sono normalmente transitorie poiché il dente è un organo che ha una sua dinamicità, e scambia sostanze con l’ambiente circostante. Quindi, ad esempio, è possibile indurre una ri-mineralizzazione del dente stesso

Insomma lo sbiancamento dentale, se effettuato da uno specialista, non è dannoso per i denti nel lungo periodo. Dannosi sarebbero invece tutti quei trattamenti fai da te che si acquistano in farmacia o al supermercato e che invece metterebbero a repentaglio la salute dei denti.

Ti potrebbe interessare anche:

Come sbiancare i denti

Denti bianchi, 3 rimedi efficaci

Sbiancamento denti, 4 cose da sapere

Photo | Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>