Esercizi kegel uomo come si fanno

di Cinzia Iannaccio

Cosa sono gli esercizi Kegel e quando sono indicati per l’uomo? Si tratta di una metodica atta a rafforzare i muscoli pelvici, perineali o pubococcigei. Sono stati spesso utilizzati nel genere femminile, come prevenzione dell’incontinenza urinaria dopo il parto, ma oggi la loro applicazione si è estesa anche agli uomini quale strumento utile al fine di una migliore salute sessuale oltre che la prevenzione e la gestione di incontinenza urinaria e fecale.

esercizi kegel uomo

 

Esercizi Kegel uomo, benefici ed indicazioni

Principalmente questi esercizi vengono suggeriti in caso di incontinenza urinaria (o per la sua prevenzione): aiutano il controllo della minzione. Ciò che però stimola maggiormente la curiosità e l’interesse è che una pratica costante di esercizi Kegel nell’uomo aiuta a mantenere l’erezione più a lungo e a contrastare l’eiaculazione precoce, il che favorisce una migliore qualità della vita sessuale oltre che generale. Tutti possono eseguirli, anche se spesso sono consigliati a pazienti che hanno incontinenza o disfunzione erettile in seguito ad alcune condizioni di salute che comportano un indebolimento del pavimento pelvico, come nel caso di uomini con diabete, con un passato chirurgico alla prostata (per iperplasia prostatica benigna) o prostatectomia radicale (in seguito a tumore) o in pazienti obesi. Si ritiene che alla lunga possano aumentare le dimensioni del pene, ma non ci sono dati scientifici a conferma di ciò. Non hanno controindicazioni o effetti collaterali spiacevoli se eseguiti correttamente.

 

Come si fanno gli esercizi Kegel per gli uomini?

L’ideale è quello di rivolgersi ad un fisioterapista che possa dare le corrette indicazioni e correggere gli eventuali errori di movimento durante poche sedute. In generale, va sottolineato come prima di iniziare gli esercizi, vadano identificati con precisione i muscoli pubococcigei su cui si andrà a lavorare. Per farlo si può bloccare a metà il il flusso dell’urina durante la minzione: i muscoli interessati a questo sono quelli su cui agire con gli esercizi Kegel.

Ripetere questa azione più volte, rilasciando e contraendo questi muscoli (ovviamente in assenza di urine) è già un buon esercizio (comune anche alle donne).

Similmente un’altra tecnica è quella di contrarre i muscoli ano-rettali, come se si volesse trattenere la fuoriuscita di gas intestinale: la sensazione corretta sarà quella di sentir risalire l’ano internamente.

Un altro esercizio richiede di porsi davanti ad uno specchio, da sdraiati supini, almeno per le prime volte, per capire il movimento. Occorre spingere il pene verso l’alto (alzando i glutei da terra) e mantenere la posizione al massimo per almeno 5 secondi usando solo i muscoli pelvici e anali, o magari anche aiutandosi con la contrazione dei glutei. E’ fondamentale però comprendere di volta in volta quali muscoli si stanno contraendo. Attenzione a non trattenere il respiro in queste fasi. Una volta presa l’abitudine a questi esercizi (che tra loro sono interscambiabili), si possono fare in qualunque momento ed ovunque, senza che nessuno se ne accorga. In piedi, sdraiati o da seduti. Basterà contrarre i giusti muscoli.

 

 

Ogni quanto vanno fatti gli esercizi Kegel per l’uomo?

A differenza di altri allenamenti tipici per gli uomini, quando si tratta di esercizi di Kegel, non vi è un numero specifico di serie o ripetizioni da eseguire in un giorno. Si raccomanda però si eseguirli almeno 2 volte al dì, con almeno 10-30 contrazioni ogni volta. Ogni esercizio dovrebbe durare 10 secondi divisi in cinque di contrazione e cinque di rilassamento.

 

 

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Esercizi Kegel uomo, benefici e pratica

Incontinenza urinaria uomo: cause e rimedi naturali

 

Fonte: Medicinet.com

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>