Sintomi sindrome dell’intestino irritabile

di Luca Bruno 4

La sindrome da intestino irritabile è un disturbo dell'intestino che provoca dolore alla pancia, crampi, gonfiore, stitichezza o diarrea.

intestine

La sindrome dell’intestino irritabile è un disturbo dell’intestino che provoca dolore alla pancia, crampi, gonfiore, stitichezza o diarrea.
I sintomi possono essere intensi o lievi e variare di giorno in giorno, tuttavia il disturbo non peggiora nel tempo e non causa malattie più gravi.
I medici non sanno esattamente quale ne sia la causa, si sa solo che il sistema digerente, in particolare l’intestino, non funziona come dovrebbe, anche se ad un analisi del medico non appaiono segni tangibili né di infezioni né di altri problemi.

Una delle teorie vuole che essa sia causata da problemi legati ad un malfunzionamento nella comunicazione nervosa tra cervello ed intestino che provoca un movimento errato dei muscoli intestinali.

In alcune persone la sindrome può essere accentuata da fattori come l’alimentazione, lo stress, i cambiamenti ormonali o l’uso di determinati farmaci.

I sintomi principali della sindrome dell’intestino irritabile sono il dolore al ventre associato a stitichezza o diarrea. Altri sintomi comuni sono il gonfiore addominale, la presenza di muco nelle feci, e la sensazione di non avere l’intestino completamente svuotato.

In alcuni casi i pazienti rilevano l’altalenante succedersi di episodi di stipsi e di diarrea, ma nella maggior parte dei casi uno dei due sintomi tende a prevalere.

E’ un disturbo comune, sebbene nella maggior parte dei casi i sintomi possono essere così lievi che non si ricorre al parere del medico.

Nei casi invece in cui la sindrome si manifesti con sintomi importanti e fastidiosi, il medico ne diagnosticherà la presenza solo dopo aver accertato l’assenza di altri problemi, attraverso esami delle feci o la sigmoidoscopia, una tecnica endoscopica che ispezione le pareti interne dell’ultimo tratto del colon.

La sindrome da intestino irritabile è una condizione che permane per un lungo periodo di tempo, e quindi il paziente dovrà mettere in campo strategie per alleviarne i sintomi. Di solito tali strategie comprendono modifiche alla dieta ed allo stile di vita, esercizio fisico e gestione dello stress.

Possono anche essere utili farmaci che riducono l’insorgere dei dolori ed aiutano a contrastare la diarrea o la stipsi.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>