I padri anziani hanno più probabilità di avere figli autistici

di Vito Verna Commenta

Se, dunque, un padre di soli 20 anni sarebbe in grado di trasmettere non più di 25 mutazioni genetiche casuali, questo valore aumenterebbe, costantemente e di anno in anno, sino a raggiungere le 65 mutazioni genetiche casuali nel caso in cui il padre abbia ormai raggiunto i 40 anni di età.

I padri anziani hanno più probabilità di avere figli autistici

Sebbene al momento, sul delicato argomento, dovrebbe certamente essere fatta maggior chiarezza, sembrerebbe a dir poco molto probabile che una delle possibili cause dell’autismo, malattia ancora completamente misteriosa giacché, purtroppo, ancora oggi di essa si conoscerebbero esclusivamente taluni dettagli e il quadro complessivo ancora sfuggirebbe alla comprensione degli esperti, possa essere l’età del padre.

AUTISMO ED EVOLUZIONE DELLA SPECIE

Maggiore, infatti, sarebbe l’età del padre, analogamente a quanto avverrebbe per l’età della madre, più numerose sarebbero le mutazioni genetiche casuali che il padre trasmetterebbe alla propria prole.

NUOVE TECNOLOGIE PER DIAGNOSTICARE SCHIZOFRENIA E PSICOSI

Se, dunque, un padre di soli 20 anni sarebbe in grado di trasmettere non più di 25 mutazioni genetiche casuali, questo valore aumenterebbe, costantemente e di anno in anno, sino a raggiungere le 65 mutazioni genetiche casuali nel caso in cui il padre abbia ormai raggiunto i 40 anni di età.

AUTISMO E SCLEROSI MULTIPLA INVISIBILI ALLA SOCIETA’

Nonostante, come ulteriormente ribadito dai ricercatori, codeste mutazioni genetiche casuali non debbano affatto preoccupare la coppia intenzionata ad avere un bambino, poiché giudicate, in condizioni normali, assolutamente fisiologiche, si da il caso, purtroppo, che in taluni particolari casi codeste mutazioni genetiche casuali possano essere alla base di talune malattie di natura prettamente psicologica quali, per l’appunto, l’autismo piuttosto che la schizofrenia.

A dimostrarlo, grazie ad una ricerca apparsa sulle colonne della rivista scientifica Nature, gli esperti della società islandese Decode Genetics che, negli scorsi mesi, avrebbero accuratamente analizzato l’intero corredo genetico di ben 78 famiglie, formate da padre, madre ed un bambino, in cui entrambi i genitori avevano un’età media pari a 30 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>