Influenza 2013 come curarla

di Fabiana Commenta

I consigli degli esperti per guarire in fretta dall’influenza

Gli esperti lo avevano annunciato: il picco dell’influenza sta per arrivare, complici anche la scarsa adesione alla vaccinazione (dopo i blocchi temporanei dei vaccini) e il brusco crollo delle temperature ed entro due settimane il numero degli italiani a letto con l’influenza è destinato ad aumentare.

In questo periodo è bene evitare i luoghi particolarmente affollati, gli sbalzi di temperatura ed evitare il contatto con persone infettate oltre a seguire le semplici regole di igiene per cercare di limitare il contagio.

Ma se avete fatto di tutto per evitare l’influenza e alla fine siete stati contagiati, non vi resta che cercare di seguire i consigli giusti per guarire il prima possibile seguendo il decorso del virus. Febbre, dolori articolari, spossatezza e nausea sono i sintomi principali dell’influenza che non possono però essere arginati ricorrendo immediatamente agli antibiotici, estremamente dannosi se non strettamente necessari e prescritti dal medico.

Ed ecco alcuni consigli utili degli medici per facilitare il decorso e rimettersi in forma. Quando si ha l’influenza è necessario stare al caldo, ma con moderazione: no a piumoni e coltri di coperte visto che la febbre rappresenta di per sé una difesa del sistema immunitario per difendersi contro i germi.

COME CURARE L’INFLUENZA NEI BAMBINI

Assolutamente consigliato mangiare leggero per facilitare la digestione e bere molto: non esagerare però con le spremute d’arancia, ottime in fase di prevenzione, meno indicate durante la malattia perché l’acidità dell’arancia può complicare i problemi di stomaco che possono insorgere proprio con l’influenza.

“Resistere” alla tentazione di abbassare immediatamente la febbre: in teoria fino a 39 gradi andrebbe fatta salire visto che in questo modo l’organismo attiva meglio le difese immunitarie.

COME DIFENDERSI DALL’INFLUENZA

Oltre (ma molti ricorrono ai medicinali anche prima per contrastare mal di testa e senso di malessere generale) possono essere assunti gli antipiretici come il paracetamolo (ottimo se in compresse). Per rimettersi in forma ed evitare ricadute è bene guarire completamente: si dovrebbero aspettare almeno 24 ore dopo che la febbre è passata per poter recuperare le forze tornare gradualmente alle normali attività quotidiane.

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>