Cellule staminali trasformate in killer di cellule infettate dall’HIV

di Luca Bruno Commenta

linociti

Ricercatori statunitensi della David Geffen School of Medicine presso l’Università di California a Los Angeles sostengono essere riusciti a dimostrare, in laboratorio, che le cellule staminali umane possono essere trasformate in cellule in grado di attaccare e distruggere quelle infettate dal virus dell’HIV.
E, potenzialmente, sostengono nello studio pubblicato recentemente su Plos ONE, tale procedura potrebbe essere applicata ad altre malattie di origine virale.

I ricercatori aggiungono che questo tipo di approccio può essere utilizzato per programmare il sistema immunitario, in modo particolare la risposta dei linfociti T a determinate cellule infettate dal virus dell’HIV.

La ricerca potrebbe fornire le basi per un nuovo sviluppo terapeutico che implica il ripristino delle risposte del sistema immunitario, danneggiato o difettoso verso una varietà di virus che causano malattie croniche ed anche diversi tipi di tumori.

I ricercatori hanno cercato di clonare le cellule del sistema immunitario conosciute come T-cells. E ci sono riusciti utilizzando cellule staminali, le quali si sono trasformate in cellule immunitarie, almeno in laboratorio. Il passaggio obbligato ora è quello di ottenere tale risultato anche sull’uomo.

Qualora funzionasse, l’approccio terapeutico sarebbe di grande aiuto nei confronti di diversi tipi di malattie di carattere virale, sarebbe, come hanno affermato li autori dello studio, una sorta di “vaccino genetico”.

Fonte HealthFinder

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>