Come prevenire distacco della retina

di Fabiana

Controlli periodici e idratazione: dal Centro di eccellenza in Oftalmologia di Chieti i consigli su come prevenire il distacco della retina

occhio

Distacco della retina: una patologia invalidante che consiste nel distacco di un sottilissimo strato di tessuto nervoso sensibile alla luce che consente di focalizzare correttamente le immagini e inviare i messaggi visivi al cervello attraverso il nervo ottico.

Una patologia che purtroppo tende a registrare nuovi aumenti anche nel corso degli ultimi mesi con un’incidenza di un caso ogni 10mila abitanti: è quanto emerge dai dati raccolti dal Centro di eccellenza in Oftalmologia di Chieti diretto dal prof. Leonardo Mastropasqua. 

In condizione normali la retina aderisce alla parete dell’occhio, ma in presenza di una lacerazione tende a staccarsi a causa dell’infiltrazione del cosiddetto corpo vitreo, una sostanza gelatinosa racchiusa nell’occhio.

Quando il processo colpisce anche la parte centrale della retina, la vista può essere definitivamente compromessa.  

 

Ma quali sono le cause principali del distacco della retina? Gli esperti del centro spiegano via Asca che le cause del distacco della retina in realtà possono essere diverse, dai traumi oculari fino all’alta miopia a precedenti interventi chirurgici. 

Le categorie più a rischio restano i miopi, gli ultracinquantenni e chi è stato sottoposto a un intervento di cataratta. 

In questo caso il consiglio è di sottoporsi ai controlli ripetuti del fondo dell’occhio che vengono praticati dopo dilatazione pupillare.

E come prevenire, per quanto possibile, il distacco della retina? Assolutamente necessari i controlli periodici oculistici, ma anche evitare la disidratazione soprattutto nei mesi estivi. 

Chi pratica sport dovrebbe riequilibrare la perdita di acqua e sali minerali dall’organismo (consumando due litri di acqua al giorno) e assumendo frutta e verdura, consiglio valido per tutti.

Tra l’altro esistono delle concrete avvisaglie che non devono essere sottovalutate, dalle cosiddette mosche volanti, ai lampi di luce. 

Se invece si ha la percezione di zone d’ombra fisse al lato del campo visivo, questo è un chiaro segnale che il distacco della retina si è già verificato. 

Quando accade ciò è possibile intervenire attraverso un trattamento laser per ricucire la retina strappata ed evitare il peggio; in questo si tratta di un trattamento eseguito a livello ambulatoriale e non doloroso.

Se il distacco della retina si è già verificato è necessario intervenire chirurgicamente. 

 

 

Foto Thinkstock

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>