Paralisi nervo facciale, sintomi, cause e terapia

di Cinzia Iannaccio Commenta

 

La paralisi facciale consiste , così come immaginabile dal nome, nell’impossibilità di muovere i muscoli del volto a causa di un danno ai nervi: in genere è parziale, colpisce solo un lato del viso, le motivazioni possono essere molto diverse tra loro e diverse quindi le tipologie. La cosiddetta paralisi di Bell ad esempio compare all’improvviso o se è provocata da un tumore progredisce lentamente. A seconda della causa può anche regredire dopo un certo periodo di tempo più o meno prolungato. Scopriamone insieme le motivazioni, i sintomi iniziali e l’eventuale terapia.

paralisi nervo facciale

Cause della paralisi del nervo facciale

La paralisi di Bell è, secondo l’Istituto nazionale dei Disordini Neurologici americano la forma più comune di paralisi facciale. Tale condizione fa sì che i muscoli di un lato del viso cedano notevolmente. Non è noto il perché di questa paralisi anche se si sospetta concretamente la correlazione con un’infezione virale del nervo facciale. La maggior parte dei pazienti con paralisi di Bell guariscono completamente in circa sei mesi .

Altre cause di paralisi facciale sono:

  • Fratture o lesioni al viso o alla testa
  • Tumori della testa o del collo
  • Ictus
  • Infezioni croniche dell’orecchio o lesioni di altro tipo allo stesso
  • Ipertensione
  • Diabete
  • Malattia di Lyme (dovuta a puntura di zecca)
  • Sindrome di Ramsay – Hunt (infezione virale del nervo facciale)
  • Malattie autoimmuni come la sclerosi multipla o la sindrome di Guillain -Barre
  • Il parto: anche la nascita può causare paralisi facciale temporanea in alcuni bambini, il 90% dei quali guarisce completamente senza trattamento
  • Malattie congenite come la sindrome di Moebius e la sindrome Melkersson – Rosenthal possono dare paralisi facciale sin dalla nascita

 

 

I sintomi

Quali sono i sintomi di una paralisi facciale in arrivo? Come si manifesta o cosa comporta?

La paralisi facciale ha un forte impatto sulla qualità della vita di una persona. Si può perdere la fiducia in se stessi e sentirsi in imbarazzo. Inoltre questo tipo di paralisi può provocare altri disturbi:

  • dolore facciale
  • mal di testa o vertigini
  • mal d’orecchie e/o sensibilità al suono
  • difficoltà a parlare
  • incapacità di esprimere emozioni
  • difficoltà a mangiare o bere
  • perdita di bava
  • contrazioni muscolari
  • lacrimazione dell’occhio
  • secchezza degli occhi e della bocca

I pazienti che non sono in grado di chiudere l’occhio interessato dalla paralisi dovranno fare particolare attenzione per evitare danni sul lungo termine.

 

Diagnosi

La diagnosi si fa essenzialmente a partire dal sintomo evidente della paralisi: il medico può anche chiedere di provare a muovere i muscoli del viso sollevando il sopracciglio, chiudendo l’occhio, sorridere o accigliare lo sguardo. Potranno seguire test come elettromiografia (che controlla la salute dei muscoli e dei nervi che li controllano ), scansioni di imaging ed esami del sangue per aiutare a capire la causa della paralisi del nervo facciale.

 

Quale terapia?

L’American Academy of Otolaryngology stima che circa l’85 % dei pazienti con paralisi di Bell si riprenderà da solo, con o senza trattamento. Tuttavia , alcuni studi hanno dimostrato che l’assunzione di steroidi per via orale ( come il prednisone ) e farmaci antivirali, assunti nell’immediato della paralisi sono in grado di favorire un recupero completo. La terapia fisica può anche contribuire a rafforzare i muscoli ed evitare danni permanenti.

Per quei pazienti che non recuperano completamente, la chirurgia estetica può aiutare a correggere le palpebre che non chiudono completamente o un sorriso storto.
Le paralisi facciali dovute ad altre cause possono beneficiare di un intervento chirurgico per riparare o sostituire i nervi danneggiati o i muscoli, per rimuovere i tumori, per favorire la chiusura della palpebra. Alcuni pazienti possono avere movimenti incontrollati dei muscoli oltre alla paralisi. In tali casi iniezioni di Botox che congelano i muscoli , così come la terapia fisica, possono aiutare.

Il pericolo maggiore di paralisi facciale è quello che riguarda le lesioni oculari: quando l’occhio non può chiudersi normalmente la cornea si può seccare e particelle possono entrare e danneggiare l’occhio .

I pazienti con paralisi facciale dovrebbero usare lacrime artificiali durante il giorno e applicare un lubrificante di notte . Essi possono anche avere bisogno di indossare una speciale camera di umidità di plastica trasparente per mantenere l’ occhio umido e protetto .

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Un gel per curare la paralisi

Sindrome di Guillain – Barrè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>