Diagnosi influenza suina, come si cura l’influenza A

di admin 16

Sempre più spesso l'influenza suina è stata definita con la lettera A perchè fa parte del ceppo A..

influenza-suina

In più occasioni abbiamo trattato il problema dell’influenza suina che sta colpendo mezzo mondo. Sempre più spesso l’influenza suina è stata definita con la lettera A perchè fa parte del ceppo A, ma anche perchè molti associavano l’influenza con la carne con il rischio che molti iniziassero a non comprare più la carne suina.

Il virus si è manifestato per la prima volta sui maiali in Messico e il contagio avveniva da maiale a maiale per via aerea, successivamente il contagio è avvenuto da maiale a uomo e nell’ultima fase da uomo a uomo diventando così edipemia.

A seguito di una diffuzione mondiale l’OMS ha affermato che la trasmissione è diventata pandemia.


Vediamo insieme cosa c’è da sapere sull’influenza suina e come distinguere se si tratta di influenza suina o di una semplice influenza da raffreddamento.

L’influenza suina ha un tasso di mortalità circa 3 volte superiore a quello di una influenza normale (aggiornamento: l’influenza suina è molto meno pericolosa della normale influenza stagionale, grazie alla segnalazione di un nostro utente). Quando l’influenza A raggiungerà in Italia il suo culmine a Novembre potranno essere contaggiati circa 3 milioni di persone e potranno morire per complicanze circa 15 mila persone (a titolo di esempio, un anno fa per l’australiana sono morte 5 mila persone). Le persone che muoiono per complicazioni di una influenza e quindi anche per quella suina sono in genere persone che hanno già patologie gravi o malattie croniche debilitanti.


SINTOMI INFLUENZA SUINA

L’influenza A (o nuova influenza) ha gli stessi sintomi di una classica influenza alla quale siamo abituati. In genere l’influenza suina colpisce l’apparato respiratorio e può iniziare con un mal di gola, tosse, raffreddore, febbre, occhi rossi e mal di testa. Possono insorgere nausea, vomito e diarrea oltre che dolore alle ossa. Questi sono i sintomi che può dare l’influenza suina.

CAPIRE SE E’ INFLUENZA SUINA O UNA INFLUENZA NORMALE

Capire se è influenza suina o una semplice influenza è impossibile descrivendo i sintomi che si hanno. Per essere certi che si tratti di una influenza suina è doveroso fare un tampone nasale e faringeo e isolare quindi il virus prelevando un campione del liquido che fuori esce dal naso o dalla gola.

COSA FARE IN CASO DI CONTAGIO

Innanzitutto è importante avvisare il proprio medico (anche telefonicamente) alla comparsa dei sintomi sopra elencati e informare il proprio medico se si è affrontato un viaggio di recente o se si è andati in qualche luogo affollato. E’ possibile che il medico, dopo aver visitato il paziente, prescriva un farmaco antivirale.

QUALI SONO I FARMACI ANTIVIRALI CHE COMBATTONO L’INFLUENZA A

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha reso noto che gli antivirali ora in commercio sono efficaci a combattere la nuova influenza. L’influenza suina va trattata con uno dei senguenti farmaci antivirali: l’oseltamivir e lo zanamivir che in Italia sono in commercio con il nome TAMIFLU e RELENZA. In America hanno avuto modo di testare che in alcuni casi il virus resiste al Tamiflu.

IN QUANTI GIORNI SI MANIFESTA IL VIRUS CON I PRIMI SINTOMI

Dopo aver contratto il virus della nuova influenza i primi sintomi si hanno dopo circa 1 o 2 giorni e una persona rimane contagiosa un giorno prima dei sintomi fino a 4 giorni dopo. Nei bambini il termine contagioso può durare fino a 10 giorni.

COME SI CONTRAE IL VIRUS

Il virus si trasmette per via aerea quindi attraverso delle micro particelle di acqua che escono dalla bocca o dal naso. E’ possibile contrarre il virus anche mangiando carne di maiale cruda. Il prosciutto crudo e il salame si possono mangiare con estrema tranquillità poichè il sale ha eliminato ogni forma batterica.

COME SI GUARISCE

Quello che forse molti non dicono è che dall’influenza suina si guarisce e molti guariscono senza nemmeno prendere farmaci antivirali. Molte persone addirittura non si accorgono di averla presa. La maggior parte dei pazienti che contraggono l’influenza guariscono senza ricorrere a cure ospedaliere. L’influenza suina è meno pericolosa della influenza aviaria che aveva causato la morte di migliaia di persone. Ripetiamo che muoiono le persone che hanno patologie gravi già prima di contrarre il virus.

INFLUENZA SUINA IN GRAVIDANZA

Gli antivirali che abbiamo descritto risultano sicure per proteggere sia la mamma che il feto. E’ in ogni caso consigliato rivolgersi al medico curante o al proprio ginecologo alla comparsa dei sintomi sopra descritti. Per le donne incinte è consigliato assumere il Tamiflu rispetto al Relenza. Alcuni studi hanno dato più efficiacia al primo.

VACCINO

E’ altamente sconsigliato utilizzare antibiotici e antivirali prima di aver contratto il virus. Il vaccino, salvo mutazioni del virus, arriverà a fine novembre per le persone adulte, mentre arriverà a gennaio quello per i bambini.

FASCIA DI ETA’ INTERESSATA

Sebbene tutti gli esseri umani siano contagiabili, a differenza delle altre influenze, le persone più predisposte al contagio sono quelle di età dai 20 ai 50 anni. Mentre sono le donne incinte al terzo mese quelle più sensibili al contagio.

Commenti (16)

  1. E’ possibile avere l’influenza suina senza febbre?

  2. salve,avrei una domanda da porre : ho letto che fra i sintomi dell’influenza A è presente anche il dolore al petto. Sapreste dirmi se questo dolore viene avvertito costantemente o solo durante i brividi di freddo? grazie anticipatamente.

  3. Buon giorno, ho 59 anni e mio marito 63 dobbiamo fare il vaccino per l’influenza stagionnale lunedi 2 novembre, ci potrebbero essere effetti collaterale se ci sarà la vacinazione per la nuova influenza?

  4. ho una bambina disabile ke nn soffre ne di cuore ne di diabete e nemmeno di rene….io sono molto indecisa nel fare il vaccino …..ke mi dite…..fatemi sapere datemi notizie un consiglio……..sono una mamma molto preokkupata…grazie

  5. sono affetta da bronchite asmatica cronica.
    il mio medico mi consiglia di fare il vaccino,ma io sono contraria dopo aver sentito ke in francia una donna per causa del vaccino ha contratto una malattia cerebrale rarissima e gravissima .quali sono i rischi del vaccino?con cosa sono è stato realizzato?.perchè non dicono tutto questo?

  6. le perplessità nascono a causa della presenze di mercurio e squalene;quest’ultimo in particolare pare fosse presente nei vaccini fatti ai soldati USA che si preparavano per la guerra del golfo e che dopo mesi hanno manifestato disturbi neurologici anche gravi addebbitati proprio alla presenza dello squalene.Negli Stati Uniti i vaccini somministrati non hanno lo squalene perchè lì è stato dichiarato illegale…il mio pediatra sostiene che tutto questo è infondato,ma io,nonostante le sue pressioni,i miei bambini SANI non li ho vaccinati…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>