Usare il computer per migliorare la memoria negli anziani

di Vito Verna Commenta

Evoluzione, miglioramento e conservazione delle più basilari capacità cognitive umane, dunque, andrebbero di pari passo alla conoscenza del mezzo informatico

Usare il computer per migliorare la memoria negli anziani

Quanti abbiano sempre creduto vero il detto, molto più popolare e popolano che scientifico, che l’utilizzo dei moderni device tecnologici quali, a titolo puramente esplicativo, personal computer piuttosto che smartphone o tablet pc possa nuocere, ed anche molto gravemente, alla salute cerebrale di colui il quale ami trascorrere diverse ore della giornata in compagnia del proprio preferito strumento di intrattenimento – comunicazione, dovrebbe immediatamente ricredersi poiché, stando a quanto riportato dall’eminente rivista scientifica Mayo Clinic Proceeding, sarebbe in realtà vero l’esatto contrario.

NUOVA FORMA DEL MORBO DI PARKINSON

Evoluzione, miglioramento e conservazione delle più basilari capacità cognitive umane, dunque, andrebbero di pari passo alla conoscenza del mezzo informatico che, quanto più sarebbe utilizzato ed apprezzato dall’utilizzatore abituale, tanto più ritarderebbe il declino cerebrale tipico della terza età nonché di alcune delle più terribili patologie degenerative del sistema nervoso centrale quali, per esempio, il morbo di Alzheimer piuttosto che quello di Parkinson.

DIGIUNARE PER PROTEGGERE IL CERVELLO

A dimostrarlo, in seguito all’osservazione dei comportamenti e delle quotidiane abitudini di un gruppo composto da poco meno di 1.000 anziani ed anziane volontari, perfettamente in salute, di età compresa tra i 73 ed i 93 anni, sarebbe stata la Mayo Clinic di Rochester, Jacksonville e Phoenix.

IL SONNO MIGLIORA DIVENTANDO ANZIANI

Gli esperti neurologi della succitata organizzazione no-profit per la pratica e la ricerca medica statunitense, in particolare, avrebbero rilevato come negli anziani cosiddetti hi-tech, ovverosia maggiormente avvezzi all’utilizzo, anche quotidiano, di un qualsiasi device tecnologico di ultimissima generazione, il naturale e fisiologico declino cognitivo subisca un positivo rallentamento pari, in media, al 18% rispetto agli anziani che, invece, non avrebbero mai utilizzato alcun computer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>