Non si dovrebbe rinunciare alla scuola a causa dei pidocchi

di Luca Bruno Commenta

Quando il bambino ha i pidocchi è sconsigliato fargli perdere la scuola.

pidocchio2

Le infestazioni da pidocchi sono un fenomeno molto comune, soprattutto per i bambini in età scolare, quanto è più facile il rischio di contagio. Questo però non significa che se i genitori scoprono che il bambino ha i pidocchi non dovrebbero adottare misure drastiche come quella di non mandare il bambino a scuola.
Quest’ultimo provvedimento è stato di recente criticato ed escluso come modalità in un rapporto curato dalla American Academy of Pediatrics.

Il rapporto, che costituisce un aggiornamento delle linee guida già presentate nel 2002 sembra insistere con particolare forza proprio su questo aspetto: i bambini non dovrebbero rinunciare alla scuola, questa pratica dovrebbe essere definitivamente abbandonata.

Questa, come altre pratiche che il rapporto definisce come “erculee” non sono infatti il modo migliore di combattere l’infestazione e quasi sempre non sono necessarie.

Consultare il pediatra, o le persone competenti in ambiente scolastico dunque rappresenta la scelta migliore, secondo il rapporto, per i genitori che non ne sapessero granchè sui pidocchi.

E ciò ancora prima di risolversi ad utilizzare rimedi naturali che sebbene in alcuni casi risultano efficaci, sono comunque sempre meno affidabili di prodotti testati dalle autorità sanitarie preposte.

Fonte ReutersHealth

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>