Sindrome di Haglund

di Elena Botta

In questi giorni stiamo parlando delle diverse patologie che possono essere associate al comune dolore al tallone, come la spina calcaneale e la fascite plantare.

foto-jogging

In questi giorni stiamo parlando delle diverse patologie che possono essere associate al comune dolore al tallone, come la spina calcaneale e la fascite plantare.
Oggi vogliamo parlare invece della Sindrome di Haglund una malattia della parte posteriore del piede che è caratterizzata dalla presenza radiologica di una protuberanza dell’angolo postero-superiore del calcagno, il quale crea un problema meccanico con il tendine d’Achille e la borsa retrocalcaneare interposta tra i due.
Questa patologia mostra un calcagno che risulta essere più prominente e quindi, nel momento in cui viene compresso in calzature troppo rigide e troppo strette si avverte un forte dolore.



Le cause di questa patologia possono essere di origine congenita o a seguito di alcuni traumi localizzati nella zona interessata , da alterazioni dell’appoggio podalico, da esiti di traumi del retropiede ed è una sindrome molto comune in coloro i quali giocano a calcio, a causa delle scarpe con i tacchetti.
I sintomi della sindrome di Haglund sono principalmente zoppia e difficolta’ a calzare scarpe chiuse, dolore in sede calcaneare posteriore, tumefazione ossea in sede retrocalcaneare e algia acuta alla digitopressione.
Se si presentano i suddetti sintomi è consigliato recarsi da un ortopedico, il quale farà fare una radiografia della zona interessata per valutare l’integrita’ morfologica e funzionale del tendine di achille; dopodichè lo specialista consiglierà il riposo ed il cambio di calzature seguiti da cicli di fisioterapia e di trattamenti col laser.
Se tutto ciò non dovesse bastare, si deciderà per un intervento chirurgico che prevede l’asportazione della borsa e dell’esostosi ossea, il tutto in atroscopia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>