Binge drinking: una nuova moda pericolosa tra i giovani

di Elena Botta

Letteralmente Binge drinking vuol dire bere alcol fino ad ubriacarsi e perdere del tutto i freni inibitori

vino

Ultimamente nel nostro vocabolario di tutti i giorni sono entrati a far parte dei termini inglesi come junk food, desk eating o happy hour che sono tutti dei modelli sbagliati di diete che provengono dai paesi anglosassoni.
Ora è di moda invece il binge drinking tra i giovani che è diventato un fenomeno molto diffuso anche in Italia ma che è molto pericoloso e dannoso per la salute.
Letteralmente Binge drinking vuol dire bere alcol fino ad ubriacarsi e perdere del tutto i freni inibitori.
Questo a lungo andare porta ansia e depressione oltre che danni irreparabili al fegato e rischio di coma etilico; l’allarme è stato lanciato da un gruppo di ricercatori statunitensi che hanno sottoposto alcune cavie da laboratorio di età paragonabile all’adolescenza umana ad un test che prevedeva uno stato costante di ubriachezza.



Ebbene, è risultato che l’alcol può dar luogo ad una permanente alterazione ormonale che può innescare, in età adulta a seri disturbi della personalità.
Oltrettutto, questa alterazione fa sì che vengano prodotti dall’organismo una quantità troppo elevata di ormoni che hanno lo scopo di diminuire lo stress che però calano esponenzialmente nel momento in cui l’alcol, assunto in massicce quantità, viene completamente smaltito dal corpo.
Questo di fatto porterebbe a disturbi accentuati della personalità ma, gli studiosi restano cauti su ciò per il fatto che l’esperimento è stato condotto solo sui topi.
Sicuramente l’alcol è molto dannoso per la salute e l’abuso, oltre che a creare dipendenza, fa insorgere molte patologie a partire dal sistema cardiovascolare e per finire all’apparato digerente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>