Un pancreas artificale per il diabete di tipo 1

di Luca Bruno

Sperimentato una sorta di pancreas artificiale che impedisce ai livelli di zucchero nel sangue di abbassarsi pericolosamente oltre una certa soglia.

bambina

Una nuova ricerca sostiene che bambini piccoli e adolescenti affetti da diabete di tipo 1 potrebbero beneficiare di una sorta di pancreas artificiale che impedisce ai livelli di zucchero nel sangue di abbassarsi pericolosamente oltre una certa soglia, specialmente in alcuni momenti critici della giornata come durante il sonno.

I risultati dello studio, pubblicato su The Lancet, riportano la sperimentazione compiuta in strutture ospedaliere su un campione di bambini di età compresa tra i 5 ed i 18 anni.
Il dispositivo, un assemblaggio di due apparecchiatrure già commercializzate, consiste di un sensore che misura il livello di zuccheri nel sangue, il quale è collegato ad una pompa per insulina, programmata per azionarsi quando il sensore rivela un abbassamento degli zuccheri, l’ipoglicemia.

Il controllo dei livelli di zucchero nel sangue durante la notte è sempre stato un grave problema per le persone affette da diabete di tipo 1, perchè se questi scendono a livelli bassi il paziente può incorrere in gravi disturbi, convulsioni, coma e perfino il decesso.

I ricercatori hanno verificato che i partecipanti allo studio hanno avuto nel doppio dei casi la dose mirata e calibrata di glucosio,rispetto a coloro che utilizzavano un trattamento tradizionale.

Questi studi, sostengono gli autori della ricerca, provenienti dall’Institute of Metabolic Science presso l’Università di Cambridge, dimostrano che sistemi automatizzati come quello sperimentato non solo possono essere di grande aiuto nella gestione del diabete, ma migliorano anche la qualità della vita in generale, dei pazienti e delle loro famiglie, riducendo i rischi di ipoglicemia.

Mantenere i livelli di glucosio nella norma può inoltre essere di aiuto a ridurre i rischi di complicanze nel corso della vita futura.

Commenti (1)

  1. Avete erroneamente scritto:

    -…consiste di un sensore che misura il livello di zuccheri nel sangue, il quale è collegato ad una pompa per insulina, programmata per azionarsi quando il sensore rivela un abbassamento degli zuccheri, l’ipoglicemia.-

    Se così fosse, la macchina ucciderebbe il paziente (farebbe l’esatto opposto).
    La macchina, nel rilevare un abbassamento della glicemia, stopperà la pompa in modo da NON secernere più insulina fin quando la glicemia non tornerà ad innalzarsi!

    Per favore correggete il vostro articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>