L’esclusione sociale aggrava certi tumori

di Luca Bruno Commenta

topo

Un recente studio di ricercatori dell’Università di Chicago, pubblicata sulla rivista Cancer Prevention Research ha scoperto che, nei topi da laboratorio, l’esclusione sociale può rendere i tumori più letali.
Secondo i ricercatori, il loro esperimento dimostra che l’ambiente sociale può modificare il decorso la malattia.
La ricerca ha lavorato con topi geneticamente predisposti al cancro della ghiandola mammaria. I topi femmina separati dalle madri hanno dimostrato di sviluppare tumori alle ghiandole mammarie più diffuse dei topi che invece non erano isolati.

Tale risultato può contribuire ad alimentare una certezza diffusa, ovvero che l’ambiente sociale e le condizioni psicologiche giocano un ruolo importante nello sviluppo e nel decorso di molti tipi di malattie.

I ricercatori sostengono che le sostanze chimiche che circolano nel sangue – come ad esempio gli ormoni dello stress – possono influenzare lo sviluppo del cancro attivando o disattivando i geni presenti nelle cellule che hanno potenzialmente la facoltà di diventare malate e trasformarsi in tumori.

Da tale ricerca non si possano ricavare né certezze né conclusioni generalizzanti, oltretutto ciò che risulta valido sui topi potrebbe anche non esserlo per l’uomo.

Tuttavia, se ulteriori studi dovessero essere intrapresi in questa direzione, si potrebbero forse scoprire alcuni fattori di rischio, legati all’ambiente sociale, che sarebbero di grande aiuto per la prevenzione dei tumori.

Fonte BBCNews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>