L'aceto di vino stato prodotto per la prima volta più di 5.000 anni fa e ancora oggi la procedura è la stessa

Ponti_Aceto_di_Vino_Rosso

Dopo aver parlato delle proprietà del lino, della soia, dei fagioli e delle lenticchie, oggi vorremmo parlare delle proprietà dell’aceto, che assieme all’olio di oliva è il condimento principe delle nostre tavole.
L’aceto di vino stato prodotto per la prima volta più di 5.000 anni fa e ancora oggi la procedura è la stessa: l’aceto si ottiene dalla fermentazione del vino bianco o del vino rosso che grazie all’Acetobacter e all’aria, lo trasformano nel famoso condimento, grazie all’ossidazione dell’etanolo che si trasforma in acido acetico.



L’aceto è composto per la maggior parte di acqua e da aminoacidi, vitamine, alcoli, tannini, sali minerali e acidi organici; oltre a queste sostanze, l’aceto di vino contiene anche altre sostanze come l’anidride solforosa, l’alcol etilico, le ceneri, la glicerina, il metanolo; sono poi presenti alcuni minerali di varia natura come ferro, zinco, calcio, rame e piombo.
Mentre tra gli aminoacidi annoveriamo l’arginina, alanina, acido aspartico e acido glutammico.

L’aceto di vino ha principalmente la proprietà battericida che aiutano a ripristinare un transito regolare dell’intestino in caso di diarrea o stipsi, ma può essere usato anche come impacco per alleviare il prurito dovuto alle morsicature di zanzare.
Essendo un ottimo antinfiammatorio, l’aceto di vino, viene spesso consigliato in caso di forte mal di gola, in quanto gli sciacqui con questa sostanza permettono di ridurre l’infiammazione e cicatrizzare le ferite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>