Rischi per la salute dovuti all’obesità

di Alessandro Bombardieri Commenta

Sono molti i rischi legati all'obesità.

Come ormai tutti sanno l’obesità porta con sè molti rischi per la salute del corpo, per calcolare il livello di obesità di una persona si utilizza il calcolo del BMI (body mass index), cioè l’indice di massa corporea, il quale però da solo non può essere ritenuto un elemento che stabilisce la forma fisica di un soggetto.

Il BMI viene calcolato dividendo il peso in kg di una persona per la sua altezza espressa in metri, al quadrato. Questo valore dovrebbe essere compreso fra 18.5 e 24.9, se il risultato è tra 24.9 e 30 si parla di sovrappeso, mentre oltre i 30 si parla di obesità, sopra i 40 di obesità grave.


Secondo le tante ricerche sull’argomento una persona obesa rischia dal doppio al triplo rispetto alle persone normopeso per la propria salute. Un recente studio dell’Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University sostiene che l’obesità grave è strettamente legata ad alcuni tipi di cancro. Tuttavia i ricercatori sottolineano che l’indice di massa corporea non è l’unico elemento da considerare per la previsione di un rischio di cancro.

OBESITÀ E SOVRAPPESO IN GRAVIDANZA

Questo studio, portato avanti da ricercatori italiani, ha interessato circa 90 mila donne e sono stati studiati 19 tipi di tumore: è emerso che esiste una correlazione fra l’indice di massa corporea e la previsione di cancro, in particolare per endometrio, polmoni e al seno per le donne in postmenopausa. Oltre a causare il cancro, l’obesità può anche aumentare il rischio di altre malattie quali il diabete, i calcoli, l’insufficienza respiratoria, l’apnea notturna, le malattie cardiovascolari, l’ipertensione arteriosa, artrosi della spina dorsale e degli arti inferiori e causare problemi di fertilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>