Eyeballing: una nuova moda pericolosa

di Elena Botta Commenta

Una nuova agghiacciante moda che sta prendendo piede tra i ragazzi di tutto il mondo è quello di versarsi i superalcolici negli occhi, come fosse del collirio, per raggiungere lo stato di ubriachezza in modo immediato.

alcol2

Una nuova agghiacciante moda che sta prendendo piede tra i ragazzi di tutto il mondo è quello di versarsi i superalcolici negli occhi, come fosse del collirio, per raggiungere lo stato di ubriachezza in modo immediato.
Dopo il Binge drinking esploso in Inghilterra qualche tempo fa che portava i giovani a bere fino a perdere completamente i sensi (e oltre a far cadere freni inibitori, cadono anche rovinosamente le difese immunitarie), ora è scoppiata la moda, molto pericolosa dell’ eyeballing.



Ma praticamente in cosa consiste? Bisogna far aderire il bordo della bottiglia o del bicchiere all’occhio e si versa la vodka direttamente nel bulbo oculare.
Ma il discorso però è che in realtà, l’alcol introdotto nell’occhio non ubriaca poichè l’assorbimento è molto basso nel sangue e non ne aumenta il tasso alcolemico, i ragazzi che praticano l’eyeballing in realtà sono già ubriachi da prima.
Il problema in realtà è legato all’occhio, nel senso che il ristagno dell’alcol nel bulbo oculare può provocare danni irreparabili, anche se fatto solo una volta, come ad esempio danni irreversibili alla cornea e alla membrana sottostante con una conseguente problematica alla vista.
La sintomatologia principale è un forte ed insopportabile bruciore agli occhi che perdura anche giorni dopo l’assunzione, fino ad arrivare alla congiuntivite vera e propria e sanguinamenti, portando anche alla trombosi dei vasi sanguigni.
Oltretutto ricordiamo che l’alcol risulta essere più pericoloso del crack in relazione con l’impatto negativo che ha attualmente nella società moderna portando verso atteggiamenti antisociali e pericolosi per la salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>