Siamo più tristi al giovedì sera e più felici alla domenica, secondo Twitter

di Luca Bruno Commenta

Una ricerca sui messaggi di Twitter indica come certi giorni della settimana siano per molti più tristi mentre altri connotano una maggior felicità.

twitter

Le persone sono più felici alla domenica mattina e più tristi nella sera del giovedì. E’ questo il risultato di una curiosa ricerca svolta da scienziati della Northeastern University di Boston, che ha voluto studiare un campione davvero enorme di messaggi (300 milioni) pubblicati sul celebre social network Twitter. La ricerca, che ha preso in considerazione i “tweet” pubblicati sul sito dal settembre 2006 all’agosto 2009, si è basata su una lista di parole specifica, Affective Norms for English Word, che categorizza le parole ed affibbia loro un punteggio in base alla loro connotazione: per esempio la parola “matrimonio” viene associata a felicità, mentre “annoiato” viene valutata come una parola che indica un umore triste.

Secondo questa classificazione i messaggio maggiormente felici sono verso le 6-7 del mattino, diventano invece “tristi” dalle 14 alle 16, per riprendere un trend “positivo” verso la sera.

Non solo ma l’umore generale sembra cambiare anche nel corso dei giorni della settimana, con una tendenza a migliorare durante il week-end. Secondo gli autori questo potrebbe essere legato al fatto che solitamente sono giorni in cui non si lavora.

Lo studio ha lasciato tuttavia perplessi in molti, per esempio l’imprenditore Jeff Pulver, coinvolto nello sviluppo tecnologico di Twitter, secondo il quale c’è da prendere questi dati con scetticismo.

Secondo Pulver hanno maggiormente importanza gli eventi che occorrono alle persone a determinare l’umore, e non determinati giorni della settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>