Sindrome di Williams-Beuren

di Elena Botta 1

La sindrome di Williams-Beuren è una malattia genetica rara che colpisce un bambino su ventimila

Dopo aver parlato della sindrome di Edward, della sindrome di Rett, della sindrome di Caplan e della sindrome di Gorlin Goltz, oggi vogliamo parlare della sindrome di Williams-Beuren.


La sindrome di Williams-Beuren è una malattia genetica rara che colpisce un bambino su ventimila e si caratterizza principalmente per una stenosi aortica sopravalvolare, un forte ritardo mentale che spesso viene associato ad un carattere molto estroverso e molto socievole, ritardo marcato della crescita, invecchiamento precoce e tratti del viso molto grossolani, caratterizzati principalmente da un naso depresso, labbra molto grandi, guance paffute con la mandibola poco sviluppata.
Oltre a ciò, vi sono notevoli problemi di sordità e di cecità, e difficoltà di apprendimento a causa di una forte compromissione dell’emisfero destro.

La sindrome di Williams è causata da una microdelezione sul cromosoma 7, ossia a causa della cancellazione di alcuni geni adiacenti (circa 13), presenti in una particolare regione del cromosoma, denominata q11.23.
Questo gene è in grado di trasformare l’elastina, che è una importante componente dei tessuti connettivi, in particolare delle arterie; nel caso in cui vi sia un grave deficit di questa sostanza, come in questo caso, si manifestano malformazioni vascolari e connettivali.
Nonostante i tratti del viso siano una caratteristica distintiva della sindrome di Williams, come abbiamo detto prima, questi però si manifestano dopo i 18 o 24 mesi di vita ed in seguito questi tratti si accentuano con l’età e questo è uno dei motivi per i quali la diagnosi può essere tardiva.

Commenti (1)

  1. a thing that hasn’t changed: magezinas discussing developments and current affairs in animation are practically non existent.of course now there’s the internet, so the need or demand for animation publications must be in decline. Still, apart from the horrible ‘Animation Magazine’ which is merely a vehicle for promotion, to my knowledge there still aren’t any magezinas for animation out there- it’s so strange to me that Funnyworld, a brilliant magazine, disappeared. I would love to read Kausler and Barrier and yourself on animation today. Your blog really helps! thanks for sharing your views and stories

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>