Smettere di fumare grazie ad un farmaco contro la nicotina

di Vito Verna 1

La promessa, in particolar modo, è quella di non far mai più ripiombare gli ex fumatori nel proprio antico vizio facendo loro evitare le crisi di astinenza così tipiche di qualsiasi persona che stia cercando di liberarsi di una qualsiasi dipendenza.

Smettere di fumare grazie ad un farmaco contro la nicotina

Smettere di fumare, completamente e definitivamente, potrebbe essere estremamente semplice grazie ad una ricerca, tutta italiana, che avrebbe permesso ad un team di ricercatori di individuare una molecola in grado di bloccare sul nascere qualsiasi forma di piacere derivante da qualsiasi forma di dipendenza.

SCOPERTO IL MECCANISMO ANTITUMORALE DELL’ASPIRINA

La promessa, in particolar modo, è quella di non far mai più ripiombare gli ex fumatori nel proprio antico vizio facendo loro evitare le crisi di astinenza così tipiche di qualsiasi persona che stia cercando di liberarsi di una qualsiasi dipendenza.

ASPIRINA RIDUCE RISCHIO TUMORE AL SENO

Queste ultime, come certamente saprete, si instaurerebbero davvero molto facilmente poiché le sostanze imputate di provocarle, sostanze tra le quali rientrerebbe anche e soprattutto il fumo, sarebbero in grado di stimolare il rilascio della dopamina che, interagendo con taluni particolari recettori del sistema nervoso centrale, sarebbe responsabile della sensazione di piacere e soddisfazione provata dall’individuo dipendente conseguentemente al consumo delle più differente sostanze stupefacenti (in questo senso, come ci si potrebbe attendere, il fumo non sarebbe differente da una qualsiasi altra droga).

ASPIRINA UTILE CONTRO I TUMORI

Da qui l’idea, sperimentata con successo dapprima su cavie da laboratorio e scimmie e successivamente su un nutrito gruppo di volontari, di rendere per così dire ciechi, ovverosia completamente inutilizzabili, i recettori della dopamina che, seppur rilasciata in grandi quantità nel momento stesso in cui avverrebbe il consumo della sigaretta e pur colpendo i su indicati recettori, non sarebbe più in grado di scatenare alcun tipo di reazione.

Il circolo del piacere, che si instaurerebbe nel momento i cui i recettori della dopamina reagirebbero all’azione della dopamina stessa, verrebbe in questo modo interrotto sul nascere altresì bloccando qualsiasi forma di dipendenza.

Il tutto grazie ad una particolare molecola che potrebbe ben presto venir trasformata in un vero e proprio farmaco per aiutare i fumatori a diventare ex fumatori.

Commenti (1)

  1. Non ho capito che tipo di farmaco ed eventualmente dove si compra e quanto costa.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>