Latte biologico più povero di iodio, zinco e selenio

di Alessandro Bombardieri Commenta

distributori-latte-crudo

Secondo quanto rilevato da uno studio spagnolo effettuato dai ricercatori dell’Università di Santiago de Compostela, e pubblicato su Food and Chemical Toxicology, il latte biologico sarebbe più carente di alcuni elementi come iodio, zinco e selenio rispetto a quello tradizionale.


I ricercatori spagnoli hanno prelevalo, analizzato e confrontato più di 30 campioni di latte dei due tipi, scoprendo che il latte biologico è più povero di sostanze minerali rispetto a quello convenzionale. La presenza di sostanze tossiche è stata rilevata in maniera identica tra i due tipi di latte, per esempio il cadmio è stato trovato in misura uguale, seppure in quantità molto limitate.

AUMENTARE MASSA MUSCOLARE CON IL LATTE

Come affermato dalla dottoressa López, principale autore dello studio, i livelli di elementi che sono solitamente integrati nelle diete del bestiame nei sistemi convenzionali, come in particolare iodio, rame, selenio e zinco, sono superiori a quelli che si trovano nel latte biologico. Gli esperti hanno comunque tenuto a precisare che questo non significa per forza che il latte tradizionale sia migliore, in quanto il latte non è la fonte primaria di questi elementi nella nostra dieta.

Lo iodio serve per il metabolismo, soprattutto nel periodo dell’infanzia e nel periodo della gravidanza per le donne. Carenze di iodio possono provocare il gozzo, disordini nello sviluppo e anche il cretinismo nei casi peggiori. Le alghe possono essere un’ottima fonte alternativa di iodio, proprio per questo i dottori sostengono che la produzione di latte Bio potrebbe essere migliorata integrando lo iodio mancante tramite le alghe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>