Rimedi naturali contro le scottature

di Luca Bruno

Per le bruciature di primo e secondo grado si possono anche utilizzare rimedi naturali.

fiamma

A seconda della gravità, le ustioni sono classificate in tre categorie: primo, secondo e terzo grado e come tali vengono trattate dalla medicina che tiene anche in conto della causa che le ha provocate.
Le ustioni di primo grado provocano gonfiore, pelle rossa ed un lieve dolore, e generalmente guariscono in 3 -6 giorni.
Le ustioni di secondo grado invece provocano gonfiore, la comparsa di ferite e la rottura dell’epidermide.
Le ustioni di terzo grado sono molto gravi, con sintomi come la colorazione bianca o nera della pelle e la scomparsa della sensibilità dei nervi danneggiati. Il tessuto epidermico viene ad essere danneggiato anche negli strati inferiori.

Se le ultime hanno bisogno di un trattamento specialistico e di strutture attrezzate, per le bruciature di primo e secondo grado si possono anche utilizzare rimedi naturali, sia per lenire il dolore provocato, sia per evitare l’infezione della superficie epidermica danneggiata, sia, ancora, per evitare che rimangano i segni e le cicatrici provocate dall’ustione.

Dopo la scottatura, la prima cosa da fare è quella di ridurre immediatamente la temperatura della superficie bruciata. Con un sacco contenente ghiaccio o acqua gelata oppure immergendo la parte ustionata in acqua fredda per almeno 30 minuti.

Applicando il miele sulla ferita dopo averla accuratamente disinfettata e lavata previene il rischio di infezioni e contribuisce a guarirla.
La papaia contiene enzimi che aiutano a rimuovere le cellule morte dalla ferita.

L’aloe vera è un ottimo trattamento per le ustioni. Si procede tagliando una foglia della pianta ed applicandola aperta sull’ustione, in modo che il gel contenuto nelle foglie vada a contatto con la pelle. Una volta che la ferita comincia a guarire un ottimo sistema per evitare cicatrici è quella di utilizzare la vitamina E in capsule applicandola sulla ferita.

Anche l’olio di lavanda è provato essere un rimedio efficace per curare le ustioni.

Da non trascurare la dieta, che gioca un ruolo molto importante nel processo di guarigione. Per accelerare il recupero, il pazienti deve consumare una dieta ad alto contenuto proteico e calorico.

Le scottature della pelle provocano, a seconda della gravità, la perdita proporzionale di sostanze nutrienti. La carenza di queste è responsabile sia del rallentamento della guarigione sia del pericolo di infezioni.

Tra le sostanze più importanti per un buon recupero le vitamine B complesse, la vitamina C, glutamina, arginina, e sostanze chimiche come rame, selenio e zinco.

Una precauzione da tenere assolutamente in considerazione è che, anche se in fase di guarigione, l’ustione può essere sempre un veicolo di infezione, e quindi non bisogna abbassare la guardia e continuare a prendere i farmaci con cura, oltre a evitare di tenere la ferita aperta ed esposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>