Insufficienza cardiaca, diagnosi e cure

di Redazione

Quando si hanno stanchezza non giustificata, affanno, mancanza di respiro anche da sdraiati, ritenzione idrica e palpitazioni, il medico può ipotizzare un’insufficienza cardiaca, ovvero una condizione pericolosa in cui il cuore non riesce a pompare abbastanza sangue. E’ quindi particolarmente importante arrivare quanto prima ad una diagnosi che confermi o escluda tale patologia. Ecco come si fa la diagnosi e cosa fare.

insufficienza cardiaca diagnosi cure

Test per la diagnosi

Per diagnosticare l’insufficienza cardiaca, dopo una precisa anamnesi, il medico prendendo in considerazione i sintomi, provvederà ad eseguire un esame fisico: auscultazione dei polmoni e dei battiti cardiaci che possono già dare delle indicazioni diagnostiche, oltre che il controllo di gambe ed addome (per verificare accumuli di liquidi); necessario sarà anche valutare i fattori di rischio come l’ipertensione, la malattia coronarica o il diabete.
Dopo l’esame fisico, potrebbero essere prescritti i seguenti test, a completamento diagnostico:

  • Esami del sangue per valutare la funzionalità renale, epatica e della tiroide. Un esame del sangue per verificare la presenza di una sostanza chimica chiamata N-terminale pro-B-peptide natriuretico di tipo (di NT-proBNP) può aiutare nella diagnosi di insufficienza cardiaca se la diagnosi non è certa.
  • Radiografia del torace. Nello scompenso cardiaco, il cuore può apparire ingrossato ed è possibile notare fluidi intorno ai polmoni.
  • Elettrocardiogramma (ECG). Le alterazioni del ritmo cardiaco possono essere correlate ad insufficienza
  • Ecocardiogramma. E’ particolarmente prezioso: aiuta a distinguere lo scompenso cardiaco sistolico da quello diastolico in cui il cuore è rigido e non si riesce a riempire di sangue da pompare correttamente.
  • Stress Test. Gli stress test misurano come il cuore e vasi sanguigni rispondono allo sforzo. Si può camminare su un tapis roulant o una cyclette mentre si è collegati ad una macchina di ECG. Oppure si può assumere un farmaco per via endovenosa che stimola il cuore simile sottoponendolo ad uno stress simile a quello di un esercizio fisico. A volte lo stress test può essere fatto mentre si indossa una maschera che misura la capacità di cuore e polmoni di prendere in ossigeno ed espirare anidride carbonica.
  • TAC o risonanza magnetica (MRI). Forniscono immagini più precise e si possono fare anche sotto stress (o sforzo)
  • Angiogramma coronarico. Un sottile tubo flessibile (catetere) è inserito in un vaso sanguigno nell’ inguine o nel braccio e guidato attraverso l’aorta nelle arterie coronarie. Attraverso questo si fa passare un tracciante. Tale test serve per vedere se è presente un’ostruzione delle arterie. Può essere inoltre abbinato ad un ventricologramma – una procedura atta a determinare la funzionalità della principale camera di pompaggio del cuore (ventricolo sinistro) e la salute delle valvole cardiache.
  • Biopsia miocardica.

 

 

Tutte le cure per l’insufficienza cardiaca

Per trattare l’insufficienza cardiaca esistono dei farmaci, utili per tenere sotto controllo i sintomi e per prevenire un peggioramento. I medicinali del caso –di varia tipologia – possono agire su più fronti e servire a:

 

• Aiutare il cuore a pompare il sangue più efficacemente
• Controllare la coagulazione del sangue
• Abbassare i livelli di colesterolo
• Controllare la frequenza cardiaca
• Ridurre i danni al cuore
• Ridurre il rischio di anomalie del ritmo cardiaco
• Sostituire il potassio
• Liberare il corpo da liquidi in eccesso e sale (sodio)

 

In taluni casi può essere necessario un intervento chirurgico al cuore e/o l’utilizzo di alcuni dispositivi (by pass coronarico con o senza stent, chirurgia della valvola cardiaca, pacemaker, ecc.).

Quando questi trattamenti non hanno efficacia si può andare incontro ad un grave scompenso cardiaco, che necessita di un trapianto di cuore.

 

Leggi anche:

Stenosi valvola aortica, diagnosi, rischi e complicazioni

Esami del sangue per le malattie cardiache

Insufficienza mitralica, rischi e diagnosi

Fonte: NYtimes Healt Guide

Foto: Thinkstock

Commenti (1)

  1. Yeah Ken. Because Jesus was really clear that if anything was important, it was believing in six day creation and Adam and Ev&1#82e7;s real existence. He just never stopped talking about it. That point of belief was so central to him that all his followers clearly taught the key importance of it in the early church. What? Or not. *shakes head*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>